(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) entorinale del cervello, area che aiuta a gestire la memoria, l'orientamento nello spazio e la percezione del tempo.
Il 15% dei partecipanti soffriva di apnee del sonno, e in questo sottogruppo la proteina Tau era presente il 4,5% in più rispetto alla media.
"Non è chiaro - concludono gli autori - se le apnee aumentino l'accumulo di Tau o se livelli più alti di Tau possano predisporre all'apnea notturna, quindi sono necessari studi per capire la relazione di causa ed effetto tra i due".
Anche una ricerca della New York University School of Medicine ha indagato la correlazione fra le due malattie, anche se non è chiaro quale sia il rapporto di causa ed effetto.
“È davvero la questione dell’uovo e della gallina – ha commentato il dottor Ricardo Osorio S., docente presso la NYU School of Medicine –. Il nostro studio non ha determinato la direzione della causalità e, in effetti, non ha scoperto una significativa associazione tra le due fino a quando abbiamo approfondito i dati sui pazienti magri e obesi”.
La ricerca ha analizzato 68 pazienti senza problemi cognitivi. I volontari sono stati monitorati durante la notte per accertare l’esistenza di problemi respiratori. Nel corso della sperimentazione, i ricercatori hanno anche eseguito alcuni esami diagnostici per verificare la presenza dei primi segni del morbo di Alzheimer.
I ricercatori hanno preso in considerazione la presenza di P-Tau, T-Tau e Abeta42 in CSF, FDG-PET - per la misurazione del metabolismo del glucosio -, Pittsburgh compound B (PiB) PET al fine di misurare i livelli di amiloide. Con una risonanza magnetica, inoltre, è stato misurato il volume dell’ippocampo.
Gli scienziati hanno scoperto che nei pazienti con un indice di massa corporea inferiore a 25 vi era la presenza di diversi biomarcatori specifici e non specifici legati al rischio di Alzheimer. Nei pazienti con indice di massa corporeo superiore a 25, invece, l’ipometabolismo del glucosio è stato riscontrato anche nel lobo temporale mediale, ma non è stato significativo in altre regioni Alzheimer suscettibili.
Dallo studio è emerso che i soggetti più magri con apnee mostravano la presenza di tali biomarcatori del morbo di Alzheimer e un ippocampo più limitato rispetto agli altri senza problemi respiratori.
Ora i ricercatori si concentreranno sul rapporto di causalità fra le due patologie, per scoprire quale delle due provoca l’altra: “se ci sono cambiamenti nei biomarcatori, possono indicare che le apnee stanno causando l’Alzheimer. Se non cambiano, la probabile conclusione è che questi pazienti stanno andando a sviluppare l’Alzheimer, con o senza CPAP [Continuous Positive Airway Pressure, uno dei trattamenti previsti per la sindrome delle apnee ostruttive], e che l’Alzheimer può sia essere la causa delle apnee o queste possono semplicemente coesistere con i disturbi del sonno come parte dell’invecchiare”, conclude il dottor Osorio.
Leggi altre informazioni
15/04/2019 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante