(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) sentiamo in un preciso momento e quanto intensamente le percepiamo. Il meccanismo sarebbe più o meno lo stesso di funzioni base come vista, udito, olfatto, gusto, tatto.
Le emozioni come i sensi? Storicamente, filosoficamente anche, le emozioni sono sempre state considerate come una facoltà umana altra e “alta”. L’aspetto emotivo è sempre stato visto come qualcosa di diverso dall’aspetto cognitivo. L’assunto di partenza della ricerca è stato esattamente il contrario: e se invece i principi che governano la percezione delle emozioni fossero uguali o molto simili ad altri, a quelli della percezione attraverso i sensi, ad esempio?
La squadra di ricerca aveva ragione. E un film iconico come Forrest Gump è venuto loro in aiuto. Immaginate 15 persone davanti al film: durante la visione, questi 15 soggetti dovevano riportare minuziosamente, scena per scena – attraverso l’utilizzo di un software studiato ad hoc – le emozioni corrispondenti e quanto fossero più o meno forti, in una scala da 1 a 100.
Nel frattempo, una quindicina di persone in Germania, erano già state coinvolte nella visione dello stesso film, ma durante risonanza magnetica funzionale, che permette di monitorare l’attivazione cerebrale. Grazie all’open science, che favorisce la condivisione dei risultati tra gruppi di scienziati in tutto il mondo, i ricercatori hanno confrontato i dati comportamentali di un gruppo con quelli cerebrali dell'altro gruppo, potendo così dimostrare che ci sono regioni cerebrali in grado di predire gli stati d’animo che ci coinvolgono in un esatto momento, restituendoci la mappa della nostra esperienza emotiva. Uno sviluppo fondamentale per la comprensione delle abilità sociali dell’essere umano.
"Lo studio dei correlati cerebrali dei fattori elementari che modulano intensità e qualità delle emozioni ha importanti implicazioni per la comprensione di quello che accade quando le emozioni si ammalano, come nella depressione e nelle fobie. Questi studi stanno avvicinando la psichiatria alle altre branche della medicina", ha commentato il Prof. Pietrini, psichiatra e coautore della ricerca.
Sullo stesso argomento, ma con obiettivi diversi, è la ricerca di un team dell'Università di Aalto, in Finlandia, che ha provato a mettere a punto una vera e propria mappa con la quale rintracciare le diverse emozioni che sperimentiamo nel corso della vita.
In effetti, ogni emozione risponde a un'esigenza fisiologica, quella di adattare la nostra condizione mentale e fisica agli avvenimenti e ai cambiamenti che si verificano nell'ambiente che ci circonda. Così, ad esempio, se avvertiamo la presenza di un pericolo, il nostro cervello reagirà producendo ansia che somatizzeremo attraverso un senso di oppressione al petto. Una sensazione sgradevole ma utile a farci capire l'esistenza del rischio.
Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences e ha riguardato 700 individui fra Svezia, Finlandia e Taiwan. La sperimentazione si è basata sull'induzione di particolari stati emotivi nei volontari, ai quali è stato chiesto quale parte del corpo sentivano di volta in volta maggiormente interessata dalla reazione. Per fare qualche esempio, l'invidia è risultata associata all'arrossamento del volto, la rabbia si manifesta su torace, pugni e viso, mentre l'amore si traduce in una sensazione di calore diffuso per tutto il corpo.
Lauri Nummenmaa, coordinatore della ricerca, spiega: “non abbiamo fatto riferimento a una sensazione specifica, come la sudorazione, ma abbiamo incoraggiato i partecipanti a riportare sensazioni nette. Questo è il primo studio del genere: abbiamo deciso per brevità e accuratezza nella localizzazione delle emozioni e ci siamo concentrati sulla forza statistica dei risultati. L'aspetto più affascinante dei nostri risultati è lo strettissimo legame tra corpo e mente; le emozioni non sono solo rappresentate nella mente ma anche direttamente nel corpo. Inoltre è interessante che stati emotivi come la rabbia e la paura siano associati schemi corporei culturalmente universali".

Leggi altre informazioni
05/12/2019 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante