(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) dei linfonodi, fa odorare il paziente di birra ossidata.
Vi sono poi malattie come il cancro nelle quali il cambio dell'odore del corpo non è così evidente per gli uomini, mentre lo è per gli animali. Uno degli autori dello studio, George Preti, sta studiando appunto la possibilità di utilizzare l'odore come metodo diagnostico, in particolare per il cancro delle ovaie, un tumore che spesso viene riconosciuto solo in uno stadio avanzato.
Preti sta collaborando con il Penn Vet Working Dog Center per l'addestramento di cani che sappiano individuare il tumore delle ovaie. I 4 cani che finora hanno ricevuto l'addestramento riescono a riconoscere la patologia nel 90 per cento dei casi, secondo quanto dice il ricercatore.
“Si può avere il potere del naso di un cane in un piccolo chip della misura di un'unghia. Un dispositivo così, più che i cani, potrebbe finire nelle corsie degli ospedali", spiega Preti.
Ricercatori della University of Maastricht stanno testando invece un dispositivo basato sul respiro che è ormai prossimo alla commercializzazione con il nome di BreathLink. Lo strumento riesce a individuare un cancro dal respiro del paziente dando una risposta nel giro di 10 minuti e preservando il soggetto dall'esposizione di inutili raggi X.
Leggi altre informazioni
28/09/2016 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante