(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) caldo non determini un clima emotivo instabile, per mantenere la sinergia, per evitare la scappatella estiva con il vicino/a di ombrellone e arrivare inevitabilmente a settembre single?
Daniela Rossi e Diego Divenuto, ideatori del programma “Coaching per la coppia”, (www.coachingperlacoppia.it), legati da anni non solo a livello professionale ma anche nella vita, offrono, grazie alla loro esperienza, alcuni consigli da mettere in valigia, una sorta di piccolo vademecum salva-coppia e salva-vacanza:

1. Prima di scegliere la vacanza è importante condividere le aspettative reciproche: cosa ognuno immagina di trovare, cosa calma o irrita, cosa non deve assolutamente mancare: “Ci si può confrontare anche in modo scherzoso o leggero, ma fate in modo di scegliere una destinazione e una sistemazione che possa incontrare i bisogni di entrambi: se il mio sogno è l’idillio del rilassante villaggio all inclusive e decidiamo per il campeggio con tenda e fornelletto da campo, può essere che il romanticismo ne risenta, a causa dello stress da adattamento, almeno per uno di noi”, spiega la psicologa e psicoterapeuta Daniela Rossi.

2. Mettere in conto le difficoltà: qualche intoppo potrebbe verificarsi, proprio per la diversa velocità che ognuno ha ad adattarsi a situazioni nuove, è necessario mettere in conto che i primi giorni di vacanza sono frequentemente quelli più difficili: cambiare ritmo, abbandonare lo stress e le corse del quotidiano, non è sempre cosa immediata né facile, può capitare che ci si irriti a vicenda per delle banalità. Se poi invece fila tutto liscio da subito ci si sentirà ancor più grati e fortunati.

3. Partire con una bella dose di autoironia che permetta di cogliere con leggerezza alcuni aspetti del proprio carattere, della vacanza o del partner che se presi troppo sul serio potrebbero alimentare delusione e tensioni: la perfezione non esiste, e d’altra parte nessuno è perfetto! Del resto non è ciò che accade, ma il significato che diamo agli eventi e come ce li raccontiamo a determinare il loro effetto su di noi.

4. Lasciare il lavoro, i colleghi o gli amici a casa per dedicarsi a se stessi e al partner: è il momento di dedicarsi alla coppia, senza intrusioni o terzi incomodi che potrebbero alimentare gelosie o sentimenti di solitudine, non c’è nulla di peggio che sentirsi soli insieme è importante sapersi ascoltare nei proprio bisogni e concedersi spazi individuali: stare sempre insieme, condividendo ritmi e interessi tutto il giorno può risultare soffocante. Bisogna ricordare che l’attrazione si basa anche su distanza e diversità.

5. Sperimentare cose nuove anche fra le lenzuola: fare cose diverse insieme permette di riscoprirsi in modo insolito, soprattutto se il rapporto dura da molto tempo.

6. Fare buon uso dell’ultimo e tecnologico smartphone appena comprato: fotografare i momenti più belli, riguardare le foto aiuterà a recuperare quelle emozioni e a ricordare chi siamo e come possiamo stare bene, anche nei momenti più grigi.

“Ultimo, ma forse primo fra tutti, pensate che la vacanza è sì un momento di svago e di leggerezza, ma anche e soprattutto un’occasione per la coppia per ritrovarsi e riconoscersi”, ricorda Diego Divenuto, esperto coach -. “Riavvicinarsi, lasciar andare le tensioni, perdonare alcune incomprensioni maturate durante l’anno e nei periodi di stress è molto più facile se siamo disposti a perdonare e guardare al partner con curiosità, abbandonando l’idea di sapere già tutto di lui/lei”.
Leggi altre informazioni
11/06/2014 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante