(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) insorgenza di anemia.
I ricercatori hanno suddiviso i partecipanti, nessuno dei quali aveva donato sangue negli ultimi 4 mesi, in due gruppi. Il primo è stato sottoposto a trattamento giornaliero con gluconato ferroso, con una dose pari a 37,5 mg di ferro elementare, per 4 settimane dopo la donazione di 500 ml di sangue. Il secondo gruppo, invece, non è stato sottoposto ad alcuna integrazione.
“Tra gli endpoint dello studio abbiamo incluso il tempo al recupero dell'80% dell'emoglobina persa con la donazione e il recupero del livello di ferritina iniziale, utilizzata come misura delle scorte di ferro”, spiega il dott. Kiss.
I dati indicano che la supplementazione ha avuto successo. Sia nei donatori con ferritina bassa al basale ( 26 ng/ml) il tempo trascorso prima del recupero dell'80% dell'emoglobina persa era diminuito notevolmente grazie alla supplementazione. Nei soggetti che avevano assunto la supplementazione ci sono voluti 76 giorni per ricreare le normali scorte di ferro, mentre gli altri hanno dovuto attendere 168 giorni.
“Dopo una singola donazione i cambiamenti nei livelli di emoglobina e ferritina non sono clinicamente significativi, ma per i donatori abituali il discorso è diverso, ed è importante ritornare ai livelli ottimali dei due parametri prima di donare di nuovo”, conclude Kiss.
Leggi altre informazioni
26/02/2015 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante