(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) un'analisi esplorativa dello studio di fase III ORATORIO, hanno mostrato che Ocrelizumab ha più che triplicato la percentuale di pazienti che hanno mantenuto il NEPAD rispetto a placebo a 120 settimane (29,9% con Ocrelizumab rispetto al 9,4% con placebo, p <0,001).
Il NEPAD è considerato un endpoint composito clinicamente significativo, in quanto dimostra che un paziente non ha ricadute, non ha progressione della disabilità confermata misurata con la scala EDSS, non dimostra alcuna progressione pari o superiore al 20% al T25-FW (timed 25 footwalk) e al 9-HPT (9-hole peg test), e infine non presenta alcuna lesione T1 captante il gadolinio, né nuove lesioni o aumento del carico lesionale sulle sequenze ponderate in T2 alla risonanza magnetica.
«Questi risultati sottolineano che gli effetti di Ocrelizumab sulla progressione della disabilità sono clinicamente significativi», ha affermato Maurizio de Cicco, Presidente e Amministratore Delegato di Roche Italia. «Uno dei nostri obiettivi principali è, infatti, rallentare la progressione della disabilità e prevenire il più possibile per le persone con sclerosi multipla il ricorso ad ausili per la mobilità. Se poi consideriamo che questi benefici sono stati raggiunti nella forma più grave e disabilitante di malattia, quella primariamente progressiva, siamo particolarmente orgogliosi di poter fare la differenza nella vita di chi affronta quotidianamente con coraggio questa patologia».
In analisi post-hoc separate degli studi OPERA I e II, Ocrelizumab ha significativamente ridotto, nella forma di SM recidivante, il rischio di perdita della capacità di percorrere lunghe distanze in autonomia (EDSS≥4) o con un bastone o le stampelle (EDSS ≥6) rispetto a interferone beta-1a a 96 settimane (p≤0,005).
Nello studio ORATORIO, Ocrelizumab ha dimostrato di ridurre in modo significativo il rischio di ricorso alla sedia a rotelle (EDSS ≥7) rispetto a placebo a 120 settimane nelle persone con sclerosi multipla primariamente progressiva con EDSS basale ≤6 (p≤0,028). Inoltre, in un'analisi post-hoc dello studio ORATORIO controllato con placebo, Ocrelizumab ha costantemente ridotto il rischio di progressione della disabilità confermata (CDP) a 12 e 24 settimane, attraverso tre diverse misurazioni volte a catturare un più severo peggioramento della disabilità, rispetto a quanto venga tradizionalmente valutato nelle persone con SMPP.
Inoltre, verranno presentati i risultati ad interim del FLOODLIGHT, uno studio di monitoraggio digitale basato su sensori per misurare l'aderenza e la correlazione con i test effettuati durante osservazione clinica nelle persone con e senza sclerosi multipla. Saranno inoltre oggetto di presentazione dati rilevati in corso di gravidanza in donne trattate con Ocrelizumab.
Gli effetti collaterali più comuni associati a Ocrelizumab in tutti gli studi di Fase III sono stati reazioni da infusione e infezioni delle alte vie respiratorie, che erano per lo più di lieve e/o moderata gravità.

Leggi altre informazioni
23/06/2017 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante