(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) 9 centri di 22 paesi diversi. Il campione era rappresentato da 1.366 donne mai trattate prima con la chemioterapia e sottoposte a intervento chirurgico.
Le donne sono state assegnate in maniera casuale a un trattamento con 6 cicli di carboplatino più paclitaxel a cui è stato aggiunto Nintedanib 200 mg oppure a placebo due volte al giorno nei giorni 2-21 di un ciclo di 3 settimane, per un massimo di 120 settimane.
«Dai risultati emerge una sopravvivenza libera da progressione mediana di circa due settimane più lunga con Nintedanib, ossia di 17,2 mesi nel gruppo trattato con l'anti-angiogenetico contro i 16,6 mesi del gruppo placebo», scrivono gli autori.
I benefici maggiori sono stati a vantaggio delle donne con basso carico tumorale post-operatorio. La sopravvivenza in questo caso si è attestata a 27,1 mesi con Nintedanib contro i 20,8 mesi del placebo.
Il farmaco ha causato lievi disturbi gastrointestinali, in particolare diarrea, oltre ad alcuni eventi avversi di tipo ematologico come la neutropenia, l'anemia e la trombocitopenia. Tre donne nel gruppo Nintedanib hanno perso la vita a causa di effetti collaterali legati al farmaco contro un solo decesso nel gruppo di controllo.
«Anche se l'anti-angiogenetico è per ora registrato solo per l'uso nel tumore polmonare, questi risultati indicano che l'angiogenesi è un bersaglio valido anche nel cancro ovarico», conclude du Bois.

Fonte: The Lancet Oncology
Leggi altre informazioni
21/12/2015 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante