(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) ibernati preservandoli dai danni prodotti dal freddo. Le cellule, infatti, hanno al loro interno grandi quantità di acqua che a bassa temperatura formano cristalli di ghiaccio, i quali danneggiano le pareti cellulari.
Gli scienziati californiani hanno sperimentato in questo caso una molecola - la glutaraldeide - che sembra proteggere le cellule dai pericoli del congelamento e della disidratazione.
Il cervello del coniglio sottoposto a sperimentazione è stato prima raffreddato a -135 gradi e poi riportato a temperatura ambiente, mostrando di non aver subito danni evidenti. Ovviamente, la tecnica è lontana da una possibile applicazione pratica, anche perché la glutaraldeide è tossica per l'organismo, ma rappresenta comunque un passo in avanti nella direzione giusta.
Leggi altre informazioni
16/02/2016 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante