(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) atriale o di uso di beta-bloccanti oppure di malattia valvolare aortica o mitrale devono essere seguite per tutta la gravidanza e durante il parto”, scrivono gli autori.
Le pazienti andrebbero esaminate a partire dal secondo trimestre. “Sono necessari ulteriori studi per esaminare l'incidenza e gli effetti di fibrillazioni atriali/flutter atriali asintomatici che si verificano durante la gravidanza in pazienti con malattia cardiaca strutturale”, spiega Amar Salam, il coordinatore dello studio.
Commentando la ricerca, Danna Spears dell'Università di Toronto scrive in un editoriale: “Due delle 17 gravide cardiopatiche che hanno sviluppato fibrillazione atriale/flutter atriale, ossia il 12% del totale, sono decedute. Studi collaborativi multicentrici come questo contribuiscono in modo significativo a migliorare la comprensione del rischio di gravidanza in donne con malattie e complicazioni rare”.

Fonte: JACC: Clinical Electrophysiology
Leggi altre informazioni
16/09/2015 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante