(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) inglese ha scoperto in che modo individuare queste mutazioni, servendosi della presenza degli antigeni, ovvero le proteine che si trovano sulla superficie dei tessuti tumorali.
Una volta scoperti gli antigeni, il trattamento immunoterapico acquisirebbe un'efficacia notevole. «Ora siamo in grado di dare priorità e mirare agli antigeni dei tumori, presenti in ogni cellula, il tallone d'Achille di questi tumori altamente complessi. È davvero affascinante e conduce la medicina personalizzata al suo limite assoluto, dove ogni paziente avrebbe un unico trattamento unico fatto su misura».
Gli scienziati inglesi propongono due diversi approcci terapeutici: vaccini personalizzati per insegnare al sistema immunitario il modo di combattere il tumore, oppure individuare le cellule immunitarie che colpiscono le mutazioni tumorali, moltiplicarle in laboratorio e reiniettarle nell'organismo per dare nuova forza alla risposta del nostro corpo.
Ora i ricercatori londinesi stanno progettando i primi studi sull'uomo, che dovrebbero partire entro i prossimi 2 anni.
Leggi altre informazioni
07/03/2016 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante