(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) di segnalazione molecolare noto come fosforilazione della tirosina. Quando questa è disfunzionale, la crescita incontrollata delle cellule è più rapida. La scoperta di Hunter portò allo sviluppo di una nuova classe di farmaci, gli inibitori della tirosin-chinasi.
In questo lavoro, il team ha analizzato oltre 4.000 proteine nel tessuto epatico sano e malato. Alla fine sono emerse tre proteine: le istidine chinasi Nme1 e Nme2 erano elevate nelle cellule tumorali, mentre l'istidina fosfatasi Lhpp era carente.
"È sorprendente che Lhpp sia presente nei tessuti sani e completamente assente nel tessuto tumorale", afferma Sravanth Hindupur, ricercatore dell'Università di Basilea e primo autore del paper.
Ora l’obiettivo è capire in che modo poter utilizzare la proteina allo scopo di disattivare la crescita cellulare incontrollata nel cancro del fegato.
Leggi altre informazioni
30/03/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante