(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) (AIGO) Giuseppe Milazzo: “È molto importante consumare carne rossa e lavorata in quantità moderate, non più di tre porzioni alla settimana. Non va, tuttavia, demonizzato questo alimento. Tutti ricordiamo che l'International Agency for Research on Cancer dell’Organizzazione mondiale della Sanità, ha inserito le carni rosse tra le sostanze probabilmente cancerogene per l’uomo e le carni lavorate tra i cancerogeni certi, come amianto, alcol etilico e fumo. È importante però precisare che questi fattori di rischio non sono ugualmente pericolosi: le carni processate e rosse, infatti, aumentano il rischio di tumore del colon retto del 17-18% mentre il fumo di sigaretta è un pericolo molto maggiore, facendo crescere di venti volte il rischio di sviluppare un tumore al polmone”.
Gli elementi che suggeriscono di consumare in maniera moderata questo alimento sono l'elevato contenuto di grassi saturi e di una particolare forma di ferro, detta "eme", che in dosi eccessive stimolano l’aumento di colesterolo, i livelli di insulina nel sangue e l’infiammazione del tratto intestinale, favorendo lo sviluppo di alcune patologie, tra cui i tumori. Rispetto alla carne rossa, è preferibile il consumo di carni bianche perché hanno un basso contenuto proprio di ferro eme.
Inoltre, la cottura prolungata o ad alta temperatura della carne porta alla formazione di ammine eterocicliche, sostanze potenzialmente tossiche e cancerogene.
Non bisogna dimenticare, però, che la carne ha un irrinunciabile valore nutrizionale perché fornisce nutrienti preziosi per il benessere della persona come zinco e ferro. E' inoltre l'unica fonte naturale di vitamina B12.
Questa patologia è il risultato di più fattori ed è innescata dall'interazione tra ambiente, stile di vita e genetica. L’eccesso di grasso corporeo può essere tra le sue cause perché favorisce uno stato di infiammazione generalizzata nell'organismo e l'aumento dei livelli di alcuni fattori di crescita e ormoni, che a loro volta agevolano la crescita delle cellule tumorali.
La condizione che espone maggiormente all'insorgere di questa patologia è l'età avanzata. A seguire si segnalano l'appartenenza al genere maschile, la familiarità, le malattie croniche intestinali e, in misura minore, il diabete.
Vi sono anche dei comportamenti che possono esporre al rischio di sviluppare la malattia: tra questi il consumo eccessivo di alcol e il fumo.
Secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, in Italia con quasi 40 mila nuovi casi all’anno il carcinoma del colon-retto è tra i tumori a maggiore incidenza nella popolazione ed è al secondo posto tra i tumori come causa di morte sia negli uomini sia nelle donne.
Leggi altre informazioni
20/09/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante