(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) delle caratteristiche della persona, della sua storia medica e delle sue abitudini di vita.
Le malattie cardiovascolari sono un “killer silenzioso”: due persone su tre infatti ne sono colpite senza aver mai manifestato in precedenza alcun sintomo. Eppure capire se siamo a rischio di ammalarci può essere molto semplice grazie al sistema Cardio-Check, prenotabile telefonando al numero 02 48317444.
Il compito di gestire tutto il processo è affidato al cardiologo, che segue il paziente nell’intero iter ed elabora al termine del check-up un programma con indicazioni di stile di vita, dietetiche ed eventualmente terapeutiche per ridurre il grado di rischio cardiovascolare della persona.
“Abbiamo progettato il Cardio-Check, mettendo a frutto le più importanti evidenze scientifiche internazionali, con l’obiettivo di creare un check-up tanto accurato quanto essenziale” sottolinea Riccardo Bigi, ricercatore del Dipartimento di scienze cardiovascolari dell’Università degli Studi di Milano e responsabile dell’Unità di cardiologia del Centro Diagnostico Italiano e del Cardio-Check. “Infatti è importante per noi individuare il corretto percorso diagnostico per il paziente e indirizzarlo su quello in modo da effettuare solo gli esami clinici veramente necessari, senza spreco di tempo e denaro per il paziente”.
Il punto di partenza del Cardio-Check è rappresentato dalla “valutazione basale del rischio cardiovascolare”, una prestazione sanitaria che può essere effettuata in ogni sede del CDI e che prevede un consulto cardiologico, alcuni esami del sangue (tra cui omocisteina, colesterolemia e profilo lipidico, emoglobina glicata, proteina C ad alta sensibilità) e il questionario. Questo è un questionario già ampiamente validato dalla comunità scientifica internazionale e basato su dati medici derivati dall’osservazione di oltre un milione e 280mila europei. Se al termine di questa valutazione l’indice di rischio, cioè le probabilità che nei successivi dieci anni una persona sia colpita da una malattia cardiovascolare, è inferiore al 10% allora il percorso del check-up si arresta: il rischio infatti è troppo basso perché vi sia la necessità di ulteriori accertamenti. Solo, quindi, se il rischio è superiore si passa alla fase successiva del check-up.
Nell’eventuale fase successiva si esegue una serie di esami che valutano contemporaneamente le quattro aree principali del rischio cardiovascolare: la capacità di riserva del circolo coronarico che valuta l’efficienza del cuore; il carico aterosclerotico globale che stabilisce lo stato di salute del sistema circolatorio; il profilo biochimico che analizza la composizione del sangue; il profilo di stress. Anche questo è un aspetto innovativo del Cardio-Check: l’integrazione di tutti gli approcci diagnostici. Inoltre, la valutazione di ciascuna area è effettuata secondo tre livelli diagnostici successivi, sempre più approfonditi, a cui si ricorre solo se ritenuto necessario sulla base delle informazioni fornite dal livello precedente.

Epidemiologia*
Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di mortalità e inabilità nei paesi industrializzati o in via di sviluppo. Solamente in Europa provocano più di due milioni di decessi all’anno, superando in numero le morti causate da tutte le forme di cancro nel loro complesso. Inoltre queste patologie hanno un costo sociale molto elevato: sempre nell’Unione Europea generano ogni anno una spesa di oltre 192 miliardi di euro.
In particolare, le patologie delle coronarie, come ad esempio l’infarto o l’aritmia, sono oggi la principale causa di morte in Occidente essendo responsabili di più di un caso su cinque di decesso. Solo negli Stati Uniti sono colpite da infarto ogni anno oltre 900mila persone, di cui oltre 500mila sono nuovi casi. Molto spesso, inoltre, sono malattie gravi che si manifestano inaspettatamente: due persone su tre ne sono colpite senza aver mai manifestato in precedenza alcun sintomo.

Note:
*Fonte: Società Europea di Cardiologia e National Health, Lung and Blood Institute

Contatti:
Centro Diagnostico Italiano
Prenotazioni CardioCheck Tel. 02 48317444
Leggi altre informazioni
23/09/2009 Marco Messina

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante