(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) per prevenire lo stato di gravidanza. Tuttavia, l'ormone è anche la principale fonte di sostentamento dei fibromi. Nel corso dello studio condotto dai ricercatori delle Cliniques Universitaires Saint-Luc, che fanno capo all'Università Cattolica di Louvain, le donne con fibromi a cui sono stati somministrati 5 o 10 milligrammi del principio attivo per 13 settimane hanno mostrato un sanguinamento minore e una riduzione del fibroma rispetto al gruppo di controllo che ha assunto un placebo.
L'altro studio, della Mayo Clinic di Rochester, negli Stati Uniti, ha dimostrato come le donne che hanno assunto un dosaggio più alto della pillola del giorno dopo abbiano anche meno probabilità di avere vampate di calore rispetto alle donne che assumono Lupron, il farmaco normalmente utilizzato contro i fibromi.
Elizabeth Stewart, endocrinologo riproduttivo presso la Mayo Clinic e autrice di un articolo che accompagna i due studi, commenta: “è ormai chiaro che donne con fibromi necessitano di più alternative rispetto all'isterectomia. Le soluzioni chirurgiche non sono l'ideale, quindi abbiamo bisogno di più cure mediche. Questo studio ha suggerito che questi farmaci funzionano in modo equivalente al nostro trattamento medico standard per i fibromi e spero che gli studi futuri ne daranno conferma. Le donne possono sperare di assumere un farmaco del genere per tre mesi e poi venirne fuori''.
Leggi altre informazioni
02/02/2012 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante