(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) di un anno e senza essere sottoposto ad altre terapie, non manifesta piu' problemi. Quindi i risultati sono da attribuirsi a questa terapia''. ''Per quanto ci riguarda -afferma ancora Zonta- siamo pieni di speranza sia per il futuro di questo paziente che per il futuro di altri. L'intervento -aggiunge il chirurgo- ha provocato la distruzione di tutte le metastasi presenti nell'organo, comprese quelle non rilevabili dagli strumenti diagnostici e oggi, a nostro giudizio, il paziente si e' pienamente rimesso''.
L'operazione, spiega ancora l'Infn, e' avvenuta nell'ambito del progetto Taormina (Trattamento Avanzato di Organi Mediante Irraggiamento Neutronico e Autotrapianto). Si tratta di una innovativa tecnica radioterapica messa a punto da un gruppo formato da fisici della sezione di Pavia dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), guidato da Tazio Pinelli, e da medici dell'ospedale San Matteo di Pavia, diretti da Aris Zonta.
''Il progetto Taormina -aggiunge l'Infn- e' il risultato di 15 anni di ricerca e si basa sull'idea di utilizzare i neutroni per distruggere le cellule tumorali. Una strategia -ricorda l'ente guidato da Enzo Iarocci- immaginata gia' a partire dal 1938, quattro anni dopo la scoperta del neutrone''. Da allora, i tentativi di applicare questa cura si sono susseguiti in molti Paesi, ma sempre senza successo. Il problema, secondo gli studiosi era dato probabilmente ''dal fatto che ci si era concentrati sui casi di tumori al cervello, mentre oggi la ricerca si orienta su organi espiantabili''.
Taormina, sottolinea ancora l'Infn, e' stato concepito proprio in questa direzione, diventando con successo il primo caso al mondo di trattamento mediante neutroni di un tumore al fegato espiantato. ''La base della terapia neutronica e' costituita da una tecnica che utilizza alcune proprieta' del boro, chiamata Bnct (Boron Neutron Capture Therapy)'' spiega il professore Tazio Pinelli dell'Infn di Pavia.
''La terapia -aggiunge Pinelli- prevede che al paziente venga in primo luogo somministrato un aminoacido, la borofenilalanina, che contiene il boro 10, un isotopo del boro. Questo aminoacido viene assorbito dalle cellule insieme agli altri nutrienti. Le cellule neoplastiche pero' ne assorbono una quantita' piu' cospicua, circa 5 volte maggiore di quella ricevuta dalle cellule sane, probabilmente a causa della loro maggiore avidita' di agenti nutritivi, dovuta ai bisogni metabolici connessi con una grande velocita' di proliferazione''.
''Il boro dunque -continua Pinelli - si accumula nelle cellule tumorali. A questo punto, se viene irradiato con un fascio di neutroni, il boro 10 decade emettendo due particelle alfa e uno ione litio. Sia le particelle alfa che lo ione litio rilasciano la loro energia all'interno della cellula, inducendola a morire. Si tratta dunque di un metodo estremamente selettivo, che colpisce le cellule patologiche mentre la gran parte di quelle sane rimangono intatte''.
Secondo gli esperti, ''il punto debole di questo trattamento, quello che ne ha causato il fallimento fino a oggi, sta nella difficolta' di irradiare tutto l'organo con un fascio di neutroni: basta che una piccola metastasi sfugga e il tumore si ripresentera''' sottolineano. Cosi', per risolvere il problema, i ricercatori hanno pensato di ''agire su organi espiantabili e il gruppo di Pavia ha scelto di operare sul fegato''.
Il 19 dicembre 2001 e' stato operato un paziente al quale, nel maggio precedente, era stata diagnosticata la presenza di molte metastasi prodotte da un carcinoma del colon gia' asportato chirurgicamente alcuni mesi prima. La prognosi non lasciava speranze. ''Dopo che al paziente e' stata somministrata la borofenilalanina, si e' proceduto all'espianto del fegato, poi trasferito presso il reattore nucleare dell'Universita' di Pavia e sottoposto a irraggiamento neutronico'' racconta ancora il chirurgo Aris Zonta. ''In questo modo -spiega - si e' stati certi che l'organo fosse irradiato omogeneamente. Il fegato e' stato poi reimpianto nel paziente, il quale nel frattempo era tenuto in vita da un sistema di circolazione extracorporea''.
La Bnct, insistono gli esperti, ''si e' dimostrata non tossica ne' dannosa per il paziente, il quale resta immune dai danni da radiazione. Infatti, a differenza di quanto avviene nelle tecniche attualmente in uso nelle applicazioni cliniche, nella Bnct l'azione terapeutica non e' dovuta alla radiazione proveniente dall'esterno e diretta verso il paziente, ma all'azione di particelle che sono prodotte dentro la cellula tumorale: le particelle, alfa e ione litio, create nelle reazioni indotte da un fascio di neutroni su un bersaglio contenente boro''.
''Ogni atomo di questo elemento chimico che entra in una cellula tumorale diventa come una microscopica mina che esplode al passaggio di un neutrone'' dice ancora Pinelli. ''Ancora non si e' in grado di conoscere il meccanismo di annientamento delle cellule tumorali. Non si sa cioe' -aggiunge- se esse muoiono per apoptosi, cioe' la morte cellulare programmata, o per necrosi cellulare, a seguito della distruzione degli apparati cellulari''.
''L'esperimento si puo' considerare del tutto riuscito e assai promettente per il futuro. Ora altri tre pazienti si sottoporranno a questa nuova metodologia. Nel frattempo -riferisce l'Infn- e' cresciuta considerevolmente l'attenzione della comunita' medico-scientifica internazionale verso il primato del nostro paese''.
''Alcuni tra i piu' qualificati specialisti di fama mondiale hanno espresso un vivo interesse per il progetto Taormina, sottolineando che l'Italia e' all'avanguardia nel mondo per questa tipologia di intervento'' dice ancora Aris Zonta. Che aggiunge: ''La speranza e' quella di riuscire a trattare fino al 30% dei tumori al fegato e a tutti quegli organi che possono essere trapiantati, come polmone e pancreas''.
Secondo lo specialista di Pavia, il tumore del colon-retto ''e' la neoplasia che causa piu' frequentemente metastasi epatiche. Nella maggior parte dei pazienti il fegato rappresenta, insieme ai linfonodi, l'unica sede di diffusione a distanza della malattia''. L'incidenza delle metastasi epatiche da carcinoma del colon-retto in Italia e' di 8000 nuovi casi ogni anno. Un terzo dei pazienti con neoplasia dell'intestino ha gia' metastasi epatiche alla diagnosi e un ulteriore 20% dei pazienti sviluppera' metastasi in seguito, per un totale del 50% dei pazienti. ''Trattare chirurgicamente le metastasi, associando la chemioterapia, rappresenta la scelta terapeutica che garantisce una sopravvivenza soddisfacente, ma solamente un terzo delle metastasi epatiche sono normalmente trattabili'' conclude Zonta.


Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante