(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) prevenire o ritardare lo sviluppo di artrite reumatoide e di danni strutturali isolati.
Stando ai dati, i DMARD non hanno ridotto in maniera significativa i casi di artrite reumatoide alla settimana 52 e oltre nei pazienti con artralgia senza artrite.
Al contrario, nei pazienti affetti da artrite indifferenziata, i DMARD sono stati associati a una riduzione del 27% delle probabilità di artrite reumatoide.
Uno studio ha dimostrato un effetto significativo di etanercept sulla remissione clinica, e la metanalisi di cinque studi ha mostrato che l'intervento precoce con glucocorticoidi e antagonisti del TNF o abatacept ha aumentato le probabilità del raggiungimento di remissione dell'84%.
I DMARD non hanno mostrato alcun effetto apparente sulla progressione radiografica. «Questi risultati mostrano chiaramente i potenziali benefici di un intervento terapeutico molto precoce per persone con artrite reumatoide iniziale e in particolare la capacità di tale intervento di prevenire una forma consolidata della malattia», concludono gli autori.
Leggi altre informazioni
09/07/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante