(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) placebo mostrano una riduzione significativa del metabolismo nelle stesse regioni cerebrali.
I responsabili di questi effetti positivi sono i polifenoli, che promuovono l'attività antiossidante e antinfiammatoria. L'uva riduce lo stess ossidativo nel cervello e promuove un flusso di sangue regolare che aiuta a mantenere in equilibrio i livelli di sostanze chimiche fondamentali per la salute del cervello.
«I risultati dello studio suggeriscono che l’assunzione regolare di uva può fornire un effetto protettivo contro il declino precoce associato alla malattia di Alzheimer - spiega il professor Daniel H. Silverman, principale autore della ricerca -. Questo studio pilota contribuisce alla crescente evidenza che supporta il ruolo benefico dell’uva sia neurologico che sulla salute cardiovascolare, tuttavia studi clinici più grandi sono necessari per confermare gli effetti da noi osservati».
Leggi altre informazioni
07/02/2017 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante