(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) mai realizzato finora e permette ai ricercatori di applicare i risultati alla popolazione generale. "Abbiamo appena cominciato a svelare il mistero di cosa causi l'arresto cardiaco improvviso e come prevenirlo", spiega il dott. Sumeet S. Chugh, direttore associato del Cedars-Sinai Hearth Institute negli Stati Uniti e autore anziano dello studio. "Se aspettiamo finché una persona ha un arresto cardiaco improvviso, normalmente è troppo tardi per le cure. È per questo che è così importante sapere chi ha una predisposizione genetica".
L'arresto cardiaco improvviso è provocato da impulsi elettrici difettosi. Gli attacchi di cuore (infarto miocardico) sono causati dall'ostruzione delle arterie coronarie, la cui funzione consiste nel facilitare il flusso del sangue verso il muscolo cardiaco. Nonostante i progressi nel campo della medicina e della rianimazione nel corso degli anni, solo il 5% dei pazienti che subisce un arresto cardiaco improvviso sopravvive. Gli esperti dicono che un cardioverter defibrillatore impiantabile (ICD) potrebbe essere messo nel petto o nell'addome delle persone a rischio di MCI o di altre anormalità del ritmo cardiaco. Questo aiuterebbe a identificare gli impulsi elettrici difettosi e a fornire uno shock per ripristinare il ritmo normale. Fornire migliori previsioni genetiche di rischio porterebbe i ricercatori un passo più avanti verso previsioni più precise di quali pazienti potrebbero beneficiare di una costosa terapia con ICD. Il team proveniente da Canada, Finlandia, Paesi Bassi e Stati Uniti ha studiato l'intero set di geni umani in uno studio di associazione di tutto il genoma, cercando di identificare potenziali legami tra variazioni genetiche e specifici disturbi o malattie.
I ricercatori hanno confrontato la composizione genetica di 4402 soggetti che hanno avuto un arresto cardiaco improvviso con il DNA (acido deossiribonucleico) di 30.000 soggetti di controllo che non avevano precedenti di questa malattia. Hanno scoperto un legame tra una variazione genetica del gene BAZ2B e un più alto rischio di arresto cardiaco improvviso. "Se avete questa variazione genetica nel DNA, sembra che possiate avere il doppio di probabilità in più di subire un arresto cardiaco improvviso", dice il dott. Chugh. Si è studiata un'associazione tra altre variazioni genetiche che provocano anormalità nell'ECG (elettrocardiogramma) e i ricercatori sono riusciti a identificarne diverse che potrebbero essere usate per migliorare la previsione di arresto cardiaco improvviso nella comunità.

Leggi altre informazioni
13/07/2011

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante