Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Fibrillazione atriale, tre biomarcatori per l'ictus

Il loro utilizzo migliora la stima di rischio

Ictus_4401.jpg

Introdurre tre nuovi biomarcatori nella valutazione del rischio di ictus fra i pazienti affetti da fibrillazione atriale consente di migliorare l'efficacia del punteggio CHA2DS2-VASc.
Lo dice uno studio apparso su Jama Cardiology e firmato da Christian Ruff del TIMI Study Group presso il Brigham and Women Hospital di Boston. Gli scienziati hanno esaminato i dati di 4.880 pazienti arruolati nello studio ENGAGE-AF-TIMI. Al momento della randomizzazione solo per 48 di loro erano disponibili i valori di troponina cardiaca I, il frammento N-terminale del peptide natriuretico di tipo B (NTproBNP) e il d-dimero.
I ricercatori hanno scoperto che l'introduzione del dosaggio dei tre biomarcatori nel punteggio CHA2DS2-VASc aveva l'effetto di migliorare di 15 volte la stima di rischio dell'ictus.
┬źQuesto studio suggerisce che nonostante i punteggi di rischio clinici attualmente in uso, come ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | ictus, fibrillazione, rischio,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La PubblicitÓ su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante


Questa pagina ├Ę stata letta 4196 volte