(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) della normalizzazione dei valori. Inoltre, bassi livelli di vitamina D sembrano associati a un maggiore rischio di mortalità e di tumori benigni e/o maligni nei pazienti reumatici. È quanto emerge da una serie di studi presentati di recente al Congresso Annuale della Lega Europea contro le Malattie Reumatiche (EULAR), che si è svolto a Roma. Nel primo studio, Clive Kelly del Queen Elizabeth Hospital di Gateshead (Regno Unito) ha presentato i risultati su 180 pazienti con disturbo infiammatorio delle articolazioni, osteoartrite e dolore muscolare diffuso (mialgia), che dimostrano come circa il 58% dei pazienti reumatici presenta livelli di vitamina D molto al di sotto dei valori di norma (che sono 48-145 nmol/L). In un secondo studio condotto su più di 1.000 pazienti con artrite reumatoide, Luca Idolazzi, dell'Università di Verona ha mostrato che i livelli di 25(OH)D – una misura clinica standard dei livelli di vitamina D nel sangue – sono al di sotto dei valori di norma nell'85% dei pazienti che non hanno assunto integratori di vitamina D, ma anche nel 60% di coloro che invece lo hanno fatto regolarmente.
Pier Paolo Sainaghi, dell'Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, ha illustrato in un terzo studio come anche l'assunzione di integratori di vitamina D in dosi giornaliere “abbondanti” non sia sufficiente a normalizzare i valori carenti nei pazienti reumatici. Nello studio, solo il 29% dei pazienti trattati ha infatti raggiunto livelli di vitamina D considerati accettabili nelle persone sane. D’altra parte Ramón Mazzucchelli, dell'Hospital Universitario Fundacion Alcorcon di Madrid, ha infine riportato in un quarto studio condotto in più di 3.000 pazienti che la riduzione dei livelli di vitamina D risulta associata anche a un rischio aumentato di tumore e di mortalità dei pazienti, indipendentemente dalla loro età, dal sesso e da altre variabili.
“I nuovi dati epidemiologici evidenziano dunque che vi è un forte legame fra la carenza di vitamina D e l'aumento dell'incidenza, della gravità e delle complicanze delle malattie reumatiche autoimmuni”, ha spiegato il Professor Maurizio Cutolo, Presidente Esecutivo di EULAR 2010. “La vitamina D è normalmente prodotta nella pelle in seguito all’esposizione solare, per cui non è da considerarsi una vitamina in senso stretto. Persone sane con una adeguata esposizione alla luce del sole non necessitano integratori dietetici come nel caso delle altre vitamine. I pazienti con artrite reumatoide, e non solo, invece possono beneficiare della vitamina D quale agente terapeutico” ha concluso il Professor Cutolo.

Leggi altre informazioni
25/06/2010

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante