(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) 29% del rischio di lesioni alla testa, il che equivale a 165 lesioni per 10.000 persone rispetto alle 126 in caso di non assunzione dei medicinali.
Aumenta anche il rischio di lesioni cerebrali traumatiche, più alto del 22% nel primo gruppo, con un'incidenza di 0,90 per 100 anni-persona rispetto a 0,72.
Nello specifico, chi utilizzava come farmaco la quetiapina ha mostrato un rischio maggiore del 60% di lesioni cerebrali traumatiche rispetto a chi ha utilizzato risperidone.
«I nostri risultati implicano che l'uso di antipsicotici, oltre a causare eventi avversi già noti in precedenza, può aumentare il rischio di lesioni alla testa e di lesioni traumatiche nelle persone con malattia di Alzheimer, pertanto il loro uso dovrebbe essere limitato ai casi con sintomi neuropsichiatrici più gravi», affermano gli autori.
Per evitare questi effetti collaterali spesso viene prescritto un antidepressivo, ma anche questo è stato oggetto di ricerca in tal senso.
In questo caso, l’analisi sui rischi è stata firmata da ricercatori dell’Università di Toronto in collaborazione con i colleghi dell’Università McMaster e di altri centri canadesi.
Coordinati dalla dott.ssa Jennifer A. Watt, gli scienziati sono giunti alle loro conclusioni dopo aver analizzato i dati di 6588 anziani di età pari o superiore a 66 anni trattati con tradozone e di altri 2875 soggetti trattati con antipsicotici atipici, noti anche con il termine antipsicotici di seconda generazione.
La ricerca ha dimostrato che i pazienti che avevano assunto trazodone presentavano un tasso di cadute e fratture gravi, fra cui quella dell’anca, simile a quello registrato fra i pazienti che assumevano antipsicotici di seconda generazione.
“Mentre i clinici stanno diminuendo le prescrizioni di antipsicotici, non dovremmo considerare il trazodone un'alternativa più sicura e più uniforme agli antipsicotici atipici, poiché l'uso di trazodone era associato a un rischio di cadute e importanti fratture osteoporotiche paragonabile agli antipsicotici atipici, farmaci associati a questi esiti avversi nella nostra popolazione di pazienti”, ha dichiarato l'autrice principale dello studio.
La ricerca, pubblicata sul Canadian Medical Association Journal, dimostra anche però che il trazodone è associato a un minor rischio di morte.
Tuttavia, i suoi effetti collaterali appaiono preoccupanti. Se associato ad altri antidepressivi, nei pazienti più giovani aumenta il rischio di pensieri suicidari. Nei pazienti cardiopatici, inoltre, aumenta la comparsa di aritmie, mentre fra gli effetti collaterali più comuni si registrano nausea, vomito e diarrea. Il farmaco ha infine un forte effetto sedativo, il che rende incompatibile la sua assunzione con alcune attività quotidiane come la guida di un’auto.

Leggi altre informazioni
20/02/2020 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante