(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) e metastasi del cancro.
Non è una sorpresa, quindi, che il World Cancer Research Fund (WCRF) e altri enti accademici riferiscano di come i consumatori di cibi ricchi di questi composti abbiano un rischio minore di contrarre il cancro o di ricadute. Studi recenti dimostrano che, concentrandoli in integratori alimentari o creme, i composti fitochemicali possono aumentare la loro efficacia senza causare effetti negativi significativi.
La maggior parte delle prove relative ai benefici delle sostanze fitocomponenti nella prevenzione del cancro deriva da studi che hanno collegato una maggiore assunzione di cibi ricchi di fitochimici, quali verdure, frutta, legumi, noci, erbe e spezie, a una ridotta incidenza del cancro.
Si è scoperto anche che una maggiore assunzione di carotenoidi, riscontrati nelle verdure verdi e nelle carote, è associata a una riduzione del rischio di cancro al seno. Studi basati su questionari hanno dimostrato anche un nesso tra l’elevata assunzione di carotenoidi e un minor rischio di tumori ovarici e pancreatici.
Alla domanda se i polifenoli facciano davvero bene hanno cercato di rispondere anche i ricercatori dell’Istituto di scienze dell’alimentazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Isa-Cnr) di Avellino con due distinti studi. Gli autori concludono che lo studio degli effetti benefici dei polifenoli nella prevenzione e nella terapia del cancro va affrontato sfruttando modelli cellulari adeguati e selezionati per la loro elevata specificità. L’efficacia va, pertanto, valutata con attenzione.
Nella ricerca pubblicata su Seminars in Cancer Biology, il team dell’Isa-Cnr ha analizzato la capacità di queste sostanze di agire da antiossidanti, cioè di neutralizzare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento, evidenziando la differenza tra i dati ottenuti in modelli animali e cellulari, che confermano gli effetti antitumorali dei polifenoli, e i risultati degli studi clinici, spesso non chiari o addirittura negativi. «Quando consideriamo i potenziali effetti benefici dei polifenoli contro il cancro dobbiamo distinguere tra prevenzione e terapia», spiega Gian Luigi Russo, responsabile del team di ricerca all’Isa-Cnr. «L’efficacia di un antiossidante non è la stessa nella cellula di una persona sana e in quella di un paziente affetto da tumore, a cui vengono somministrate alte dosi di antiossidanti in combinazione con radio o chemioterapia».
I ricercatori dell’Isa-Cnr confermano quanto sostenuto anche da altri scienziati: «I polifenoli in basse dosi, come quelle normalmente presenti in frutta e verdura, potrebbero esercitare il loro effetto agendo come blandi pro-ossidanti e stimolando così la risposta adattativa della cellula, cioè un potenziamento delle difese. Al contrario, molte evidenze scientifiche mettono in guardia sull’efficacia del trattamento con antiossidanti in pazienti tumorali, nei quali possono indurre resistenza alla terapia convenzionale», prosegue Russo.
Nello studio pubblicato sulla rivista Oncotarget è stata invece valutata la possibilità che singole molecole polifenoliche esercitino un’attività antitumorale, indipendentemente dalla loro natura di antiossidanti. È il caso della quercetina, un flavonoide presente in alimenti quali cipolle, mele, uva e vino rosso. «I risultati dimostrano che la quercetina facilita la morte di cellule maligne derivate dalla Leucemia linfocitaria cronica (Llc), la più comune forma leucemica nell’anziano, resistente alla chemioterapia», afferma Maria Russo, primo autore della pubblicazione.
«In cellule derivate da un paziente affetto da una forma aggressiva di Llc, dosi farmacologiche di quercetina inibivano l’attività di due enzimi chiave, il PI3K e il CK2, responsabili a livello biochimico della resistenza ai farmaci che inducono la morte cellulare programmata (apoptosi) delle cellule tumorali. In pratica, la quercetina potenzia l’efficacia dell’agente apoptotico ABT-737 con sorprendente rapidità, entrando nelle cellule e bloccando il meccanismo che favorisce la crescita tumorale con un effetto che appare molto specifico».
Leggi altre informazioni
21/11/2017 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante