(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) studio ha effettuato una revisione dei dati di oltre 700mila uomini, a conclusione della quale è emersa la necessità di non allargare lo screening a tutta la popolazione maschile.
Il test dovrebbe essere fatto, invece, agli uomini maggiormente a rischio di morte per cancro della prostata perché hanno una storia familiare della malattia o per via della loro etnia. Gli originari dell’Africa mostrano infatti percentuali di incidenza della malattia più elevati.
Martin Roland, docente della University of Cambridge nel Regno Unito, è concorde con le conclusioni degli autori: «Mentre si attendono nuove possibilità diagnostiche, le conversazioni con i pazienti che richiedono un test del PSA dovrebbero esplorare le loro ragioni per richiedere un test e includere discussioni basate sulle prove circa possibili danni e benefici del test, dopo essersi informati sull'etnia del paziente e sulla sua storia familiare», conclude l'editorialista.

Leggi altre informazioni
12/09/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante