(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) una tossina prodotta dallo Stafilococco aureus, il cui ruolo è facilitare al batterio patogeno l'infezione, è anche allo stesso tempo capace di uccidere altri batteri presenti nel nostro corpo. Quindi abbiamo identificato una molecola con una duplice proprietà, da una parte tossica e dall'altra antibiotica".
I ricercatori francesi sono quindi partiti dalla tossina ricavando delle molecole che conservassero la loro funzionalità antibiotica ma perdessero la loro tossicità per l’organismo.
Alla fine, sono state isolate due molecole testate su un gruppo di topolini affetti da setticemia e gravi infezioni cutanee. I due antibiotici hanno cancellato le infezioni rivelandosi anche estremamente sicuri per l’organismo.
Anche a dosi altissime, infatti, i due antibiotici non hanno prodotto danni significativi. I medici francesi hanno voluto verificare anche la possibilità che i batteri sviluppassero resistenza ai nuovi farmaci, lasciandoli a contatto con le molecole per alcune settimane. I microrganismi non sono stati in grado di modificare la propria struttura per resistere ai nuovi antibiotici.
"Pensiamo che queste molecole rappresentino promettenti candidati per lo sviluppo di nuovi antibiotici che possano fornire terapie alternative per le resistenze antimicrobiche", spiega Felden. “Il prossimo passo sarà lanciare una sperimentazione clinica di fase I su esseri umani", conclude il ricercatore.
Leggi altre informazioni
10/07/2019 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante