(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) annuale, i ricercatori hanno analizzato i dati di esposizione alle radiazioni su un campione di 5.200 adulti asintomatici ad alto rischio.
I soggetti sono stati sottoposti a screening annuale con CT a basso dosaggio nell'arco di un decennio come parte dello studio COSMOS, un trial monocentrico non randomizzato svolto allo IEO tra il 2004 e il 2015, con un'analisi secondaria che ha avuto luogo nel 2015-16.
«In 10 anni l'esposizione media cumulativa alle radiazioni dello screening è stata all'incirca un terzo di quella ricevuta dalla radiazione di fondo negli Stati Uniti», riprendono i ricercatori.
Il rischio di sviluppare un tumore a causa delle radiazioni ricevute durante gli esami varia da 2,6 a 8,1 per 10.000 pazienti esaminati. In altre parole, considerando un programma decennale di diagnosi precoce per tumore polmonare, si registrerebbe un cancro da radiazioni ogni 108 tumori polmonari rilevati.
«Il rischio di cancro da esposizione allo screening CT, anche se non trascurabile, può essere considerato accettabile alla luce della sostanziale riduzione della mortalità associata all'esame», concludono gli autori.

Fonte: British Medical Journal
Leggi altre informazioni
28/02/2017 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante