(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) malattia non è noto, ma stando a dati inglesi ne sono colpite 4-5 persone ogni 1.000. “È una malattia in costante aumento nella popolazione – riporta Francesco Blasi, coordinatore italiano dello studio e membro del comitato scientifico del Network internazionale, nonché Direttore della Pneumologia del Policlinico di Milano – Nel nostro Centro Bronchiectasie, il primo in Italia per casistica e caratterizzato da un approccio multidisciplinare con intervento di fisioterapisti, infettivologi e immunologi, abbiamo in cura quasi 1.000 pazienti, ma nonostante i numeri ad oggi non è ancora stato approvato un farmaco specifico”.
Il trial in fase 2 ha dimostrato che questo farmaco antinfiammatorio è in grado di inibire il processo responsabile della attivazione della elastasi neutrofila, una proteina rilasciata dai neutrofili (un tipo di globuli bianchi) come strumento di difesa durante i processi infiammatori, che nel caso di infiammazione cronica diventa il principale responsabile dei danni polmonari. Lo studio, inoltre, conferma che non viene invalidata l’efficacia antibatterica propria dei neutrofili.
La sperimentazione è stata condotta in doppio cieco su 169 pazienti trattati col Brensocatib, questo è il nome del farmaco, e altri 87 con placebo.
Lo studio commenta Blasi “è molto positivo per diversi motivi: si tratta del primo studio su un farmaco antinfiammatorio per bocca (perché sino ad oggi sono in uso solo farmaci antibiotici inalatori e tutti off label) e soprattutto ha confermato i risultati attesi in termini di riduzione degli episodi di riacutizzazione della malattia e di riduzione dei livelli infiammatori nelle vie aeree”.
In tutti pazienti, prosegue Blasi, è stato osservato che "il farmaco è efficace indipendentemente dal tipo di infezione cronica presente nelle vie aeree e quindi a differenza degli antibiotici ha potenzialmente un ampio spettro di utilizzo che va dalle bronchiectasie ad altre malattie delle vie respiratorie come la fibrosi cistica e le malattie polmonari croniche”.
Se questi dati saranno confermati in fase 3, il Brensocatib potrebbe essere riconosciuto come il primo trattamento non antibiotico in grado di prevenire le ricadute infiammatorie, il che vuol dire una qualità di vita decisamente migliore e una potenziale riduzione della mortalità per chi è colpito da malattie del polmone come le bronchiectasie.

02/10/2020 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante