(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) prima, il virus dominante è stato H3N2, correlato con una maggiore mortalità fra gli anziani, mentre durante la seconda stagione è prevalso il virus H1N1, meno mortale.
Allo studio hanno partecipato 1.039.645 anziani vaccinati con alte dosi e 1.683.264 vaccinati con dosi normali nella stagione 2012-2013, mentre in quella successiva hanno ricevuto le alte dosi 1.508.176 soggetti contro 1.877.327 trattati con dosi normali.
«Nel complesso, questi risultati suggeriscono che il vaccino ad alte dosi può essere particolarmente utile nelle stagioni a elevata prevalenza di virus H3N2», concludono i ricercatori.
Commentando la ricerca in un editoriale che ne accompagna la pubblicazione, Arnold Monto, della University of Michigan School of Public Health di Ann Arbor, scrive: «I vantaggi in termini di riduzione della mortalità di un vaccino più efficace si vedono a tutte le età, ma quelli più significativi sono certamente a beneficio degli anziani».

Fonte: Journal of Infectious Diseases
Leggi altre informazioni
20/03/2017 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante