(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) un apparecchio che genera suoni della natura neutri e continui, per esempio l’acqua che scorre. Suoni che si mescolano agli acufeni e fanno sì che i fischi non vengano più percepiti”. È la rete dei nervi uditivi del cervello che, udendo il suono dell'acufene insieme ad altri, più familiari, non lo riconosce più come pericoloso e, con il tempo, addirittura non lo trasmette più alla coscienza.

Sono in uso due diversi apparecchi: un primo, più semplice, che consiste in uno strumento da attivare durante la notte, efficace nel 60% dei casi. U 'altro, più complesso, è simile a una protesi acustica e va indossato anche di giorno.

Prima di iniziare la terapia sono necessari una serie di esami per stabilire l'eventuale associazione di problemi di perdita d'udito e, durante la terapia, vari controlli medici. Il nuovo sistema è già usato all’ospedale Policlinico di Milano e al Policlinico Umberto I di Roma.



Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante