(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) Addolorata di Roma.
“E il problema peggiora naturalmente quanto più passano gli anni, soprattutto per le pazienti dai 60 anni in su”.
Ad affrontare questo tipo di problematica sono soprattutto donne in età avanzata?
“No, tengo però a sottolineare che in questa fascia di età la problematica su cui intervenire è naturalmente più complessa”.
Quindi sarebbe meglio intervenire quanto prima?
“Sì, esattamente”.
Quali sono i “campanelli d'allarme” che devono spingerci ad affrontare il problema? “Si parte dal gonfiore cronico alle gambe (flebedema) per arrivare alle macchie (discromie cutanee) riscontrabili sulla pelle, per poi arrivare a lesioni cutanee (fenomeni dermoipodermitici) ed infine nei casi più gravi, a vere e proprie lesioni ulcerative delle gambe”.
Cosa si rischia se non si interviene?
“Danni permanenti a livello cutaneo e sottocutaneo con sintomi cronici quali gambe pesanti, stanche (gambe senza riposo). Rischi di flebiti e tromboflebiti ricorrenti. Ripeto, non è quindi solo un problema estetico che ci mette in crisi ora che si avvicina l'estate e c'è la tendenza a scoprire le gambe. È un vero e proprio problema di salute per le nostre gambe”.
Da poco tempo è a disposizione una tecnica innovativa che permette in assenza di anestesia e di dolore la cura delle varici degli arti inferiori?
“Sì, si tratta dell'Ablazione Endoluminale Meccanico Chimica (MOCA) che avviene mediante uno strumento ideato e progettato dalla Yale University in Connecticut, e distribuito in Italia solo dallo scorso anno”.
Quali sono i vantaggi di questa tecnica?
“Di sicuro il fatto che non sia necessaria l'anestesia per intervenire, visto che il trattamento è praticamente indolore. Tutto ciò è dovuto al fatto che il catetere, inserito nella safena con un ago, 'ruota' creando un vasospasmo che è in sinergia con l'iniezione del farmaco sclerosante. È una tecnica nuova, che non implica l'uso di anestesia a differenza delle altre principali tecniche endoluminali disponibili ad oggi per questo tipo di problematica, quali il Laser e la Radiofrequenza”.
Quali sono i tempi di recupero per un'operazione del genere?
“Già dal giorno dopo è possibile riprendere la propria vita normale; sarà solo necessario indossare una calza elastica per una decina di giorni”.
Si avvicina l'estate, è questa la stagione giusta per programmare un intervento del genere?
“No, in effetti si sconsiglia sempre di affrontare tale problema in estate, quando il caldo favorisce la vasodilatazione e i raggi ultravioletti sono più forti. Un buon momento per farlo è il periodo invernale”, conclude il prof. Danese.
Leggi altre informazioni
22/05/2015 Arturo Bandini

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante