(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) grazie a questi risultati, già presentati dal Consorzio, il Ministero della Salute ha introdotto la possibilità di riportare in etichetta l’indicazione «naturalmente privo di lattosio», quando il tenore residuo di lattosio è inferiore a 0.1g/100g. Questa dichiarazione, inoltre, deve essere accompagnata sia dalla dicitura che spiega che l’assenza di lattosio è una conseguenza «naturale del tipico processo di fabbricazione con il quale si ottiene il formaggio in questione», sia dall’indicazione del contenuto in galattosio. Occorre ricordare anche che la riduzione del lattosio durante la maturazione dei formaggi è dovuta all’attività dei batteri lattici presenti nel latte e aggiunti tramite sieroinnesto o lattoinnesto nel corso della caseificazione.
Le nuove diciture a livello di etichettatura, derivanti dal lavoro del CREA, intendono aiutare il consumatore a fare scelte alimentari più consapevoli e informate e sono strumento di maggior chiarezza non solo per chi è affetto da intolleranza al lattosio, ma anche per chi soffre di galattosemia.
Un passo importante, anche sotto il profilo economico, se si pensa che il mercato dei cibi “senza” (senza lattosio, senza glutine ecc), nei soli primi sei mesi del 2016, secondo un recente rapporto, ha sfiorato i 2 miliardi di euro.
Leggi altre informazioni
14/12/2016 Arturo Bandini

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante