(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) pazienti sono stati seguiti per un periodo di 5 anni allo scopo di accertare gli outcome renali. Il gruppo dei pazienti che assumevano Ppi ha fatto registrare un aumento del rischio di ridotta funzionalità renale e di Ckd rispettivamente del 22 e del 28 per cento.
Lo stesso gruppo, inoltre, mostra un rischio più alto del 53 per cento di raddoppio della creatinina sierica, oltre a un rischio maggiore del 32 per cento di declino dell'eGfr>30 e a un aumento del 96 per cento del rischio di malattia renale all'ultimo stadio.
L'associazione rilevata dagli scienziati è dose-dipendente, il che significa che i soggetti che avevano assunto Ppi per periodi di tempo più lunghi avevano anche maggiori probabilità di incappare in problemi renali.
«I nostri risultati suggeriscono che l'esposizione a Ppi si associa ad aumento del rischio di Ckd, progressione di Ckd e malattia renale all'ultimo stadio», è la conclusione degli autori. «Molti pazienti che iniziano a prendere Ppi per una precisa condizione medica continuano l'assunzione molto più a lungo del necessario».

Fonte: Journal of American Society of Nephrology
Leggi altre informazioni
17/05/2016 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante