(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) nella storia degli studi effettuati da Bristol-Myers Squibb in questa combinazione che viene interrotto in anticipo uno studio sul tumore del rene, proprio per l’enorme impatto dei risultati raggiunti grazie a questa combinazione», afferma il prof. Giacomo Cartenì, Direttore dell’Oncologia Medica dell’Ospedale Cardarelli di Napoli.
«Nel 2016, in Italia sono state stimate 11.400 nuove diagnosi di tumore del rene. Un terzo dei pazienti arriva alla diagnosi in stadio avanzato metastatico e in un terzo la malattia si sviluppa nella forma metastatica dopo l’intervento chirurgico. Quindi solo il 30% dei casi guarisce grazie alla sola chirurgia. La disponibilità della combinazione di nivolumab e ipilimumab per il trattamento in prima linea della malattia metastatica potrebbe rappresentare un decisivo passo in avanti, sia per i pazienti che per i clinici».
«I risultati di sopravvivenza globale dello studio CheckMate -214 evidenziano il potenziale della combinazione di nivolumab e ipilimumab quale nuova opzione per il trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato che rappresenta un considerevole bisogno clinico insoddisfatto», ha affermato Vicki Goodman, M.D., head of new asset development, Bristol-Myers Squibb. «Invieremo tutti i risultati alle Agenzie Regolatorie e incorporeremo questi dati nella presentazione al Congresso della European Society for Medical Oncology (ESMO) 2017 che si apre oggi a Madrid».
La sicurezza e tollerabilità della combinazione di nivolumab e ipilimumab osservati nello studio CheckMate -214 erano in linea con i precedenti risultati relativamente alla stessa schedula di dosaggio e sono simili tra i diversi sottogruppi di pazienti.
CheckMate -214 è uno studio di fase III, randomizzato, in aperto, che ha valutato la combinazione di nivolumab e ipilimumab versus sunitinib in pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico, non precedentemente trattati. I pazienti nel gruppo di combinazione hanno ricevuto nivolumab 3 mg/kg e ipilimumab 1 mg/kg ogni tre settimane per 4 dosi, seguito da nivolumab 3 mg/kg ogni due settimane. I pazienti nel gruppo di controllo hanno ricevuto sunitinib 50 mg una volta al giorno per quattro settimane, seguite da due settimane di sospensione. I pazienti sono stati trattati fino a progressione o tossicità inaccettabile. Gli endpoint primari dello studio erano la sopravvivenza libera da progressione (PFS), la sopravvivenza globale (OS) e il tasso di risposta obiettiva (ORR) in una popolazione a rischio intermedio o sfavorevole (circa il 75% dei pazienti). La maggioranza di alfa è stata allocata alla sopravvivenza globale. La sicurezza era un endpoint secondario.
Come precedentemente riportato, la combinazione di nivolumab e ipilimumab ha raggiunto un tasso di risposta obiettiva del 41,6% versus 26,5% con sunitinib nei pazienti a rischio intermedio o sfavorevole, quale endpoint co-primario. La durata mediana della risposta non è stata raggiunta con la combinazione di nivolumab e ipilimumab ed era pari a 18,2 mesi con sunitinib. La PFS nei pazienti a rischio intermedio o sfavorevole, endpoint co-primario, è migliorata del 18% in quelli che hanno ricevuto la combinazione, ma non ha raggiunto la soglia di significatività statistica predefinita di 0,009, rispetto a sunitinib. La PFS mediana nel gruppo di combinazione è stata di 11,6 mesi vs 8,4 mesi nel braccio con sunitinib.

Il carcinoma a cellule renali
Il carcinoma a cellule renali è il tipo di tumore del rene più comune negli adulti, responsabile ogni anno di oltre 100.000 morti nel mondo. Il carcinoma renale a cellule chiare è il tipo di tumore renale a prevalenza più alta e costituisce l'80 - 90% dei casi totali. Il carcinoma renale è circa due volte più comune negli uomini che nelle donne, con alti tassi di malattia nel Nord America e in Europa. Globalmente, il tasso di sopravvivenza a cinque anni, nei pazienti con diagnosi di tumore del rene metastatico o avanzato, è del 12,1%.

Leggi altre informazioni
12/09/2017 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante