(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) tra cui la pressione sanguigna alta, il diabete, infezioni, malattie cardiache e cancro. Questo nuovo approccio potrebbe potenzialmente offrire una migliore qualità di vita e rischi minori per la salute", ha commentato Suzanne Ildstad, autrice della ricerca e direttore dell'Istituto di Terapia Cellulare dell'Università di Louisville. "L'idea - ha continuato - è quella di utilizzare le cellule staminali dei donatori per ottenere un migliore attecchimento del trapianto. In pratica, ciò che stiamo cercando di fare è ottenere che le cellule del donatore e quelle del ricevente riescano a convivere pacificamente dopo il trapianto".
Un mese prima del trapianto i pazienti assumono un farmaco che ha lo scopo di creare un ambiente favorevole alle staminali. Qualche giorno dopo il trapianto i medici iniettano un mix arricchito di cellule staminali del donatore che ha come obiettivo la creazione di una sorta di doppio binario, un midollo osseo parallelo che sia in grado di coesistere con quello del paziente. Quest'ultimo prende gli anti-rigetto per circa un anno, dopodiché è libero dall'assunzione forzata dei farmaci.
Leggi altre informazioni
08/03/2012 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante