(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) con particolare focus sulla dieta chetogena.
KETONET è gratuita, facilmente scaricabile (www.ketonet.it), intuitiva, consultabile ovunque, con un data base di alimenti e di ricette personalizzabile consistente e interattivo. È modulabile e utilizzabile per qualsiasi protocollo della dieta chetogena (da quelli più restrittivi per le patologie, a quelli più liberali: dieta MCT, dieta Atkins modificata, dieta dei bassi indici glicemici).
L’app offre inoltre una semplice interfaccia per agevolare al massimo gli interscambi su informazioni alimentari e dati clinici tra pazienti e dottori.
KETONET cambierà radicalmente la quotidianità delle famiglie dei pazienti con Deficit di glut1 (o che seguono i protocolli chetogeni), semplificando enormemente la personalizzazione della dieta, che sarà costruita conformemente alle indicazioni dei medici ma potrà essere adattata ai gusti del paziente.
La sindrome da deficit del trasportatore del glucosio di tipo 1 (o GLUT1, una proteina di membrana che media il trasporto di glucosio ed è presente nella maggioranza delle barriere emato-tissutali e negli eritrociti) è una malattia rarissima (circa 600 casi diagnosticati al mondo) autosomica dominante causata da una mutazione del gene SLC2A1, che porta ad un alterato trasporto di glucosio nel cervello attraverso la barriera emato-encefalica, comportando una ridotta concentrazione di glucosio nel liquido cerebrospinale.
La malattia si manifesta dall’infanzia e, se non trattata, porta a danni neurologici irreversibili.
I sintomi principali sono crisi epilettiche, disabilità intellettiva, gravi disturbi motori e atassia. Non esiste ad oggi una cura per il Deficit di Glut1.
L’unico trattamento conosciuto è la dieta chetogenica, un regime alimentare molto rigido composto al 70-90% da lipidi e con carboidrati pressoché assenti.
In questo modo, l’organismo produce i cosiddetti corpi chetonici per sostituire il glucosio come substrato energetico per il cervello; la dieta chetogena è pertanto un modello nutrizionale in grado di aumentare la produzione di tali corpi, utile per i pazienti affetti da deficit di glut1 e da numerose altre patologie.
Le linee guida internazionali considerano per esempio tale dieta un trattamento non farmacologico efficace per pazienti con forme di epilessia farmacoresistenti; attualmente sono anche in corso trials clinici sull’applicazione di questo regime alimentare nella malattia di Alzheimer, di Parkinson, nell’emicrania, nell’autismo e nel glioblastoma, nel cancro.
Con protocolli differenti, la dieta chetogena viene inoltre utilizzata a scopo di dimagrimento o per migliorare le performances sportive.
Tale dieta è volutamente sbilanciata e richiede un monitoraggio continuo dello stato del paziente e l’assunzione quotidiana di integratori: la dieta chetogenica dev’essere quindi intrapresa solo sotto la guida costante di un esperto dell’alimentazione.
Leggi altre informazioni
29/03/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante