(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..)
L’iniezione dei filler può avvenire in tre punti: alla radice del naso, per far scomparire la “gobba”, alla punta, per un naso all’insù, oppure sul dorso, nel caso del cosiddetto “naso a sella”, che presenta schiacciamenti o vuoti da riempire, anche lasciati da un precedente intervento di rinoplastica chirurgica riuscito male. Per migliorare il risultato si inietta anche botulino alla base del naso, per paralizzare temporaneamente il piccolo muscolo che fa abbassare la punta. Nel caso dei filler riassorbili l’effetto scompare di solito entro un anno, mentre con quelli permanenti il risultato è definitivo, ma con gravi rischi per la salute del paziente.
“In entrambi i casi i rinofiller correggono esclusivamente un problema estetico e mai uno funzionale, per cui l’intervento chirurgico rappresenta l’unica soluzione – ha spiegato Enrico Robotti, primario del reparto di Chirurgia Plastica degli Ospedali Riuniti di Bergamo e presidente eletto della Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica (Sicpre) -. Entrambi possono generare reazioni avverse, ma quelle derivate dai filler permanenti sono molto più pericolose. Le sostanze utilizzate, come il silicone liquido e i metacrilati, a volte di provenienza dubbia o nate per indicazioni differenti, possono dare luogo a granulomi da corpo estraneo che si manifestano con rigonfiamenti anomali delle zone trattate, nodosità e ulcerazioni, fenomeni che possono durare mesi o anni, deturpando in modo significativo il viso. L’unica soluzione in questi casi è la pulizia chirurgica per rimuovere ogni traccia del corpo estraneo, con inevitabili cicatrici. E a volte anche la chirurgia secondaria è impossibile, rendendo permanenti danni generati nel tentativo di migliorare il proprio aspetto fisico senza le necessarie cautele”.
L’appello lanciato dai professionisti riuniti a Bergamo è stato unanime: mettere al bando i filler permanenti, istituire un serio sistema di controllo su tutte le sostanze che vengono iniettate a scopo estetico e informare correttamente la popolazione dei rischi che si corrono quando si opta per queste procedure, tutt’altro che prive di effetti collaterali. “Il rinofiller non è mai un’alternativa all’intervento chirurgico di rinosettoplastica. Nel migliore dei casi, se si usa un riempitivo riassorbibile di buona qualità, si può arrivare a un miglioramento temporaneo dell’aspetto del naso, mentre nel peggiore si può rovinare pesantemente e per sempre il viso di una persona – ha sottolineato Robotti -. Inoltre non può mai modificare la struttura del naso. Quindi il consiglio è di rivolgersi sempre a professionisti competenti e preparati, che sapranno indicare la soluzione migliore per ogni singolo caso, in totale sicurezza”.
Leggi altre informazioni
01/03/2012 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante