(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) ma dobbiamo essere più smart nell'uso di questi medicinali. La nostra nuova linea guida aiuterà gli operatori sanitari a ottimizzare l'uso di antibiotici. Questo aiuterà a proteggere questi farmaci vitali e ad assicurare che nessuno sperimenti effetti collaterali di un trattamento di cui non ha bisogno".
Secondo alcuni, però, le proprietà terapeutiche dei mirtilli sarebbero evidenti. Lo afferma una ricerca del Worchester Polytechnic Institute pubblicata su Food Science and Biotechnology.
L'équipe con a capo Terri Camesano ha dimostrato che il succo di mirtillo puro ha un potere batteriostatico maggiore delle sue singole componenti, impedendo al batterio di aggredire l'epitelio di uretra e vescica. I ricercatori affermano che i risultati dipendono anche dalle dosi, ovvero più mirtillo si consuma più viene indebolito il batterio responsabile dell'infezione.
L'attività benefica del mirtillo rosso nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni urinarie recidivanti è dovuta alla presenza delle proantocianidine (PAC) specifiche del mirtillo, le quali impediscono ai batteri patogeni di aderire alla mucosa delle vie urinarie, evitando in questo modo lo sviluppo dell’infezione. Un’incredibile quantità di batteri convive con noi. L’apparato urinario non fa eccezione; infatti, anche in condizioni normali l’uretra (basse vie urinarie) ne ospita alcuni del tutto innocui.
In particolari condizioni, però, i batteri presenti nelle feci (i più comuni sono l’Escherichia coli, lo Streptococco fecale, lo Staphilococco epidermidis e la Klebsiella) possono contaminare l’uretra, colonizzarla e risalire verso la vescica, provocando l’infezione.
La cistite è una patologia molto diffusa; è molto elevata la frequenza nelle donne (a causa della diversa conformazione dell’apparato urinario rispetto a quello maschile), soprattutto se sessualmente attive.
La cistite si può presentare in due diverse forme: acuta e recidivante. La sintomatologia è la stessa, ma a differire è la loro tendenza a ripetersi nel tempo.
In ogni caso è possibile prevenire seguendo alcuni semplici consigli pratici:
• Bere molto, almeno 2 litri di acqua al giorno, per permettere una diluizione ed un’eliminazione degli agenti patogeni.
• Mantenere una corretta igiene intima; l’uso di saponi o agenti cosmetici troppo aggressivi può, al contrario, favorire l’attacco da parte di agenti infetti.
• Urinare quando si avverte lo stimolo; è assolutamente sconsigliato trattenere l’urina perché gli agenti patogeni sensibili possono proliferare più facilmente.
• Cambiare regolarmente gli indumenti intimi, perché questi ultimi possono essere una sorgente d’agenti infetti.
• Curare tutti i problemi di stitichezza; la stitichezza, infatti, può favorire un fermento intestinale che diventa fonte di propagazione di batteri verso le vie urinarie.
• La secchezza vaginale sintomatica della menopausa può favorire le infezioni urinarie. Risulta opportuno, in questo caso, chiedere consiglio al proprio medico.

Leggi altre informazioni
10/05/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante