(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) suppurativa.
“L’Acne Radar – spiega la Prof.ssa Fabbrocini, responsabile dal 2004 di un ambulatorio interamente dedicato all’acne con 600 nuovi casi all’anno, di cui il 70% adolescenti con un’età media di 18 anni – è fondamentalmente una rappresentazione grafica intuitiva che consente di monitorare nel tempo in maniera semplice, rapida ed efficace l’impatto dell’acne nei pazienti, attribuendo un punteggio da 1 a10, in base al grado di severità, a una serie di parametri: oggettivi, quali la percezione negativa della propria immagine, bruciore e insonnia; soggettivi, come la depressione, la mancanza di serenità e la vergogna; relazionali, come la difficoltà nei rapporti sociali, lavorativi e intimi. Applicando questo strumento in diversi protocolli terapeutici, abbiamo già potuto constatare che in genere le donne affette da acne hanno una peggiore qualità di vita rispetto agli uomini e che, all’aumentare della durata della malattia, i sintomi soggettivi prevalgono su quelli oggettivi”.
L’Acne Radar è insomma un valido supplemento alla pratica clinica, consentendo una scelta terapeutica meglio rispondente ai disturbi accusati dal paziente: chi è vittima degli inestetismi della pelle dovrà quindi insistere con retinoidi topici o peeling al fine di ridurre le impurità; chi accusa anche ripercussioni sulla propria salute dovrà invece valutare l’opportunità di una terapia sistemica per via orale; chi, infine, lamenta principalmente una sensazione di bruciore, farà bene a preferire creme lenitive ed emollienti.
“È fondamentale informare i pazienti acneici –spiega Gabriella Fabbrocini – sui lunghi periodi di tempo richiesti prima che compaiano i primi risultati visibili e sul possibile peggioramento dell’acne nelle fasi iniziali del trattamento, incoraggiandoli quindi a proseguire la terapia. E proprio per incrementare l’aderenza terapeutica ha dato buoni frutti anche il progetto Acne SMART CLUB, da cui è emerso che la ‘compliance’ dei soggetti in cura aumenta se questi sono sollecitati durante la somministrazione del trattamento. I teenager avvisati tramite sms durante le 12 settimane della terapia hanno ottenuto complessivamente, sotto vari fronti, risultati nettamente migliori rispetto a quelli cui, invece, non veniva inviato alcun promemoria”.
E per il futuro? Si punta decisamente su nuovi strumenti per la valutazione della qualità della vita come, appunto, l’Acne Radar, che ha permesso, ad esempio, di rilevare un netto miglioramento della condizione dei pazienti che hanno seguito una terapia topica a base di argento micronizzato, zinco acetato e acido laurico. Lo studio, condotto dalla Sezione di Dermatologia clinica, allergologica e venereologica dell’Università di Napoli su 20 pazienti di età compresa tra i 18 e i 25 anni, ha evidenziato una riduzione delle lesioni acneiche del 47% tra quanti hanno seguito scrupolosamente la cura prescritta.
Leggi altre informazioni
17/10/2014 Arturo Bandini

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante