(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) domande sul numero di ore trascorse davanti al pc e sulla salute dei loro occhi.
Dai dati è emerso che il 7 per cento degli uomini e il 14 per cento delle donne aveva la cosiddetta sindrome dell'occhio secco. Inoltre, molti si lamentavano per le irritazioni, il bruciore e la vista appannata.
In questi casi, ovviamente, non bisogna perdere tempo e rivolgersi immediatamente a un oculista.
Nel caso in cui avvertissimo soltanto stanchezza oculare o secchezza, qualche piccolo suggerimento può migliorare la situazione:
fai un break ogni tanto. Dai ai tuoi occhi un riposo di qualche minuto, semplicemente rilassandoti. Togli gli occhiali se li indossi, chiudi gli occhi, fai un bel respiro profondo e stai per qualche minuto lontano dallo schermo.
Una volta a casa, non continuare a lavorare. Lascia perdere le mail e il telefono. Aspetta almeno un'ora prima di leggere un libro.
Cambia le luci. La luce dev'essere diffusa, ma non eccessiva, e deve illuminare l'ambiente in maniera corretta. Fai delle prove per capire il livello di illuminazione giusta per i tuoi occhi, che non sia né troppo bassa né troppo potente.
Batti le ciglia. Può sembrare uno strano consiglio, ma in realtà quando lavoriamo davanti a uno schermo tendiamo a ridurre il numero dei battiti di ciglia, il che provoca secchezza oculare e conseguente affaticamento che potremmo anche non cogliere al momento. Se necessario, utilizza le lacrime artificiali per bilanciare la situazione.
Concediti un massaggio. Quando lavoriamo davanti al computer i muscoli frontali tendono ad irrigidirsi, e se passiamo qualche minuto a massaggiarci la testa, la fronte e il collo, ci rilasseremo abbassando lo stress.
Da tenere in considerazione anche la regolazione della luminosità dello schermo. Dovrebbe essere abbastanza luminoso da consentire la lettura in maniera confortevole, ma non troppo illuminato rispetto a ciò che lo circonda, perché in questo caso il contrasto costringerebbe la retina a lavorare di più per compensare la differenza.
Francesco Loperfido, responsabile del Servizio di Oftalmologia generale dell'Irccs San Raffaele di Milano e consulente della Commissione Difesa Vista, ricorda: “la legge 626, con i suoi successivi aggiornamenti, regola a livello europeo e italiano le problematiche per i lavoratori che fanno uso di terminali dalle tre alle 8 ore al giorno. La normativa impone una visita oculistica il cui referto viene valutato dal medico competente, ovvero il medico del lavoro, che darà l'idoneità in base anche ad altre valutazioni eseguite".
L'obiettivo di questi screening non è solo stabilire se il lavoratore soffre di un difetto visivo, ma anche capire se l'eventuale problema è stato gestito nel modo più opportuno. Un'azione correttiva 'doc' non si limita infatti all'utilizzo di lenti specifiche, ma coinvolge tutto l'ambiente dell'ufficio: il monitor del computer, la scrivania, la sedia e le fonti di luce della stanza.
Qualche esempio. Una persona miope che non impiega le correzioni adeguate, evidenzia Loperfido, "modifica la sua postura in avanti sovraccaricando il collo. E il tutto causa maggiori bruciori agli occhi per la vicinanza allo schermo, e fastidi causati dalla contemporanea necessità di scrivere sulla tastiera e guardare il monitor". L'ipermetrope, invece, "ha il problema opposto: dopo un po' i caratteri si sdoppiano" e il lavoratore "tende ad allontanarsi dallo schermo, problema che si accentua con la presbiopia". Gli astigmatici, infine, "tendono ad avere posture lateralizzate per compensare difetti elevati". Tutte "queste 'accomodazioni' possono provocare una serie di disturbi che prendono il nome di astenopia accomodativa": una vera e propria sindrome clinica che si manifesta con "fotofobia, riduzione dell'acuità visiva, visione sfuocata o doppia, lacrimazione, prurito, irritazione, cefalea, nausea, vertigine e tensione generale", sottolinea lo specialista. Se poi si indossano gli occhiali da vista, gli schermi producono riflessi sulle superfici esterna e interna degli occhiali stessi. Riflessi che si sovrappongono sulla retina alle immagini visive, creando aloni che stancano l'occhio. Per questo "è buona norma utilizzare lenti trattate con filtri antiriflesso", consiglia il medico.
Per chi ha invece più di un difetto visivo, fra cui la presbiopia, "la soluzione è quella delle lenti progressive" che "consentono una visione nitida a tutte le distanze. Anche alcune lenti colorate possono essere utili a ridurre la luce dello sfondo e migliorare il contrasto". Attenzione poi con le lenti a contatto, ammonisce Loperfido, perché "davanti allo schermo del computer diminuisce la frequenza degli ammiccamenti oculari, si riduce il film lacrimale e l'occhio è visibilmente più asciutto" e più vulnerabile. Per proteggere gli occhi dei 'forzati del pc' è inoltre fondamentale la scelta del monitor. I più sicuri sono quelli "piatti di ultima generazione", dice l'oculista: ottimizzano contrasto e risoluzione, riducono i campi elettrostatici (tra le cause dell'occhio asciutto) e "favoriscono una maggiore distanza tra occhio e video. Soprattutto in quelle postazioni di lavoro (tipo le reception) dove spazi esigui facilitano posture sbagliate incrementando l'astenopia".
Per quanto riguarda le fonti di luce, gli esperti affermano che è necessario evitare riflessi sullo schermo: la luce deve essere presente, ma contenuta, e il contrasto tra schermo e ambiente appropriato. È infine fondamentale che le fonti luminose siano perpendicolari allo schermo (né di fronte né alle spalle dell'operatore), e la postazione pc deve essere distante almeno un metro dalle finestre (schermate con tende regolabili). E ancora. La sedia 'sana' deve essere ben bilanciata, deve muoversi su rotelle autofrenanti, deve avere un sedile regolabile in altezza e uno schienale posizionato in modo da sostenere la zona lombare. La scrivania, invece, deve avere una superficie opaca, preferibilmente di colori tenui o neutri. Le dimensioni devono permettere una certa libertà nel posizionare gli elementi sulla scrivania, e la distanza tra bordo e tastiera deve essere di almeno di 15 centimetri per poter appoggiare gli avambracci.
Per finire, le pause. Qualche datore di lavoro storcerà il naso, ma per salvaguardare la salute oculare è importante 'staccare la spina' per 15 minuti ogni due ore di lavoro. Le pause benefiche sono un diritto previsto dalle legge 626 e durante lo 'stop' è consigliabile sgranchirsi braccia e schiena, senza tuttavia impegnare gli occhi.
Leggi altre informazioni
18/06/2014 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante