(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) umanizzato anti-recettore IL-6.
Gli scienziati giapponesi hanno randomizzato 223 pazienti affetti da artrite reumatoide ad assumere tocilizumab associato o in sostituzione dell'anti-folico.
«A 24 settimane di osservazione, le percentuali di remissione sono risultate significativamente maggiori nel gruppo trattato con terapia combinata rispetto a quello che assumeva tocilizumab da solo», spiegano gli autori. A un anno dall'inizio del trattamento, i tassi relativi all'efficacia erano molto simili.
Un altro aspetto interessante è la tendenza verso una maggiore percentuale di progressione radiografica clinicamente rilevante nei pazienti in monoterapia rispetto a quelli trattati con l'associazione, con indici infiammatori significativamente ridotti nelle prime 24 settimane ma non successivamente.
«Infine, il numero di pazienti con almeno un evento avverso è risultato significativamente maggiore nel gruppo trattato con l'associazione, senza peraltro rilevanti differenze in termini di gravità», conclude Takeuchi.

Fonte: Annals of the Rheumatic Diseases
Leggi altre informazioni
04/02/2016 Andrea Piccoli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante