(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) causale, però, suggerisce che la salute della popolazione può essere migliorata con politiche che aumentino i tragitti per andare al lavoro "attivi", soprattutto in bicicletta. Questo vuol dire creare più piste ciclabili, aumentare i programmi per comprare o affittare una bici e fornire un accesso migliore ai ciclisti ai mezzi di trasporto pubblici».
Un’altra ricerca pubblicata su Plos Medicine rivela invece che l'abitudine di andare in bicicletta si traduce in una riduzione del 20 per cento del rischio di sviluppare il diabete.
Lo studio, realizzato dall'Università della Danimarca Meridionale, ha coinvolto oltre 24mila uomini e quasi 28mila donne fra i 50 e i 65 anni. Lo stato di salute dei partecipanti è stato verificato per anni, registrando di volta in volta anche il livello di attività fisica svolta, l'alimentazione e l'uso della bicicletta.
Pierpaolo De Feo, direttore di C.U.R.I.A.MO. - Healthy Lifestyle Institute dell’Università di Perugia, spiega intervistato dal Corriere della Sera: «Anche se si tratta di uno studio osservazionale, in cui non abbiamo la certezza che la riduzione del rischio sia direttamente correlata all’utilizzo della bicicletta, offre spunti molto interessanti ed è realistico il dato sui benefici nella prevenzione del diabete. La bici funziona contro questa malattia perché attiva il 70% della nostra massa muscolare, posizionata negli arti inferiori. Non è un’attività traumatica, ma un movimento mediato dal mezzo e uniforme, senza carico sulle articolazioni».
Il diabete di tipo 2 insorge quando si verifica il fenomeno dell'insulino-resistenza. Di fronte a una presenza eccessiva di grassi nelle fibre muscolari, l'organismo non riesce più a capire di quanta energia abbia effettivamente bisogno. Ciò porta a una disfunzione nei meccanismi di trasporto del glucosio. Per ovviare al problema, l'organismo produce più insulina, ma sul lungo periodo il pancreas non riesce più a sostenere tale carico di lavoro.
La bicicletta, come ogni altra attività fisica, influenza in maniera positiva il processo, stimolando l'eliminazione dei trigliceridi. In questo modo i trasportatori del glucosio si riattivano e la glicemia si abbassa.

Leggi altre informazioni
02/07/2018 Andrea Sperelli

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante