(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) ritengono molto più determinanti per la comparsa delle rughe facciali le decisioni e le esperienze della vita di una persona.
Per il coordinatore del gruppo di ricerca, il dott.Bahaman Guyuron, certi fattori, come il divorzio e i farmaci antidepressivi, fanno invecchiare più velocemente e pertanto è consigliabile, lì dove questo è possibile, evitarli. Il sovrappeso accelera i segni dell'età sul viso, ma solo fino ai 40 anni: dopo tale soglia, nel gruppo osservato, era il gemello più in carne a sembrare più giovane.
La ricerca americana si è svolta sui gemelli omozigoti per escludere variabili genetiche nel processo di invecchiamento, che si presume uguale per chi ha lo stesso corredo cromosomico.
Lo studio è stato così condotto: gli scienziati hanno fotografato tutti i volti dei gemelli del campione, chiedendo poi a volontari indipendenti di valutare dalle immagini digitali l'età dei soggetti osservati e registrando in seguito le risposte fornite.
I gemelli che avevano divorziato sembravano, a coloro che osservavano la loro foto, circa due anni più vecchi dei loro fratelli sposati, vedovi o single. Allo stesso modo sembravano più anziani i gemelli che facevano uso di farmaci antidepressivi.
Perlomeno sul viso, quindi, non lascia segni solo l'età, ma incidono anche i dispiaceri, le terapie farmacologiche e i periodi difficili che a tutti, prima o poi, capita di attraversare.
Leggi altre informazioni
03/04/2009

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante