(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) in grado di offrire farmaci innovativi ai pazienti con condizioni rare ma gravi nel campo dell'urologia è un'importante pietra miliare per il futuro dell'azienda".
La CI (cistite interstiziale) è una grave patologia cronica della vescica che riduce sensibilmente la qualità della vita. Questa condizione, che colpisce in media meno di due pazienti ogni 10.000 persone ed è associata a un elevato grado di sofferenza, è stata ufficialmente riconosciuta come patologia orfana. Le persone affette da questa patologia lamentano una minzione molto frequente e dolorosa e un forte dolore nell'addome inferiore.
Tra le cause di questa patologia cronica sono inclusi danni al rivestimento della vescica, in particolare dello strato di glicosaminoglicano (GAG), con conseguente riduzione dell'effetto protettivo di questo strato. Le tossine delle urine sono quindi in grado di penetrare nei tessuti sottostanti, causando irritazione o infiammazione.
A causa della sua somiglianza strutturale con il glicosaminoglicano (GAG), il pentosano polisolfato (PPS) è in grado di ricostruire lo strato di GAG danneggiato nella vescica, impedendo in tal modo alle sostanze nocive di penetrare nei sottostanti strati di tessuto. Inoltre, il PPS promuove anche l'inibizione del rilascio di istamina, un ormone dei tessuti, riducendo in tal modo il sintomo dell'infiammazione causato dalla patologia.
Leggi altre informazioni
21/12/2015 Arturo Bandini

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante