AUTISMO

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Autismo

Sintomi Diagnosi Terapia


L'autismo è una complessa sindrome basata su disordini fisiologici e biochimici che hanno un comune punto finale nel danneggiamento cognitivo e relazionale associato all'autismo. Sono bambini malati dal punto di vista medico e possono essere enormemente aiutati medicalmente, da un' adeguata e precoce diagnosi. L'autismo è considerato un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta entro il terzo anno di età. Comporta gravi deficit nelle aree della comunicazione, dell’interazione sociale, e problemi di comportamento. La caratteristica più palese è l'isolamento dal mondo con assenza di risposta verbale e non verbale. L'autismo ancora oggi è un mistero per la ricerca scientifica: ipotesi biologiche, genetiche, farmacologiche, cognitive si sviluppano e si confondono ma senza mai arrivare ad una completa definizione. Inevitabilmente, non essendo certe le cause, non è possibile stabilire una cura per l’autismo. Oggi, l'autismo è trattabile, ci sono bambini autistici curati con successo che giocano, parlano, studiano e godono delle loro vite. Questi bambini normalizzati, che non portano più la spaventosa etichetta di "autistico", devono la loro liberazione dall'autismo a modalità di trattamento che solo da poco tempo esistono oltre atlantico e che ancora sono, purtroppo, sconosciute alla maggioranza dei medici italiani, anche se il nuovo approccio curativo si va rapidamente diffondendo. I bambini con autismo in Italia purtroppo non possono godere di questi trattamenti medici, perché qui l'autismo è visto – dalla scienza medica ufficiale – ancora come un disturbo psichiatrico e come tale, quindi curato esclusivamente con terapia farmacologica senza invece andare ad indagare nelle singole problematiche biochimiche di ogni bambino.

Sintomi

Normalmente i sintomi dell'autismo sono rilevabili entro il secondo/terzo anno di età e si manifestano con gravi alterazioni nelle aree della comunicazione verbale e non verbale, dell'interazione sociale e dell'immaginazione. Le persone con autismo presentano spesso problemi comportamentali che nei casi più gravi possono esplicitarsi in atti ripetitivi anomali, auto o etero-aggressivi. Il fatto che la maggior parte dei bambini ha manifestato i primi sintomi dopo le vaccinazioni è visto come una coincidenza. Il fatto che la maggioranza dei bambini soffre di straordinarie patologie metaboliche, intestinali, immunologiche e allergiche è visto, di nuovo, come una coincidenza. Le persone con Disturbo Autistico possono presentare una lunga serie di sintomi comportamentali come iperattività, tempi di attenzione brevi, impulsività, aggressività, autolesionismo, e, specialmente nei bambini piccoli, crisi di collera. Possono essere presenti risposte bizzarre a stimoli sensoriali. Possono essere presenti anomalie dell'alimentazione o del sonno. Possono essere presenti anomalie dell'umore o dell'affettività. Possono mancare reazioni di paura a pericoli reali, in presenza di timore eccessivo nei confronti di oggetti innocui. Possono essere presenti svariati comportamenti autolesionisti .

Diagnosi

L'autismo è spesso associato ad altri disturbi del Sistema Nervoso Centrale: sindrome di Rett, sindrome di Down, sindrome di Landau-Klefner, epilessia ecc... L'incidenza varia da 2 a 20 persone su 10.000, a seconda dei criteri diagnostici utilizzati e riguarda i maschi 4 volte di più che le femmine. Recenti sviluppi della ricerca mostrano chiaramente che con interventi biomedici e terapie comportamentali precoci e aggressive i bambini possono fare enormi progressi esprimendo tutto il loro potenziale. E' cambiata proprio la concezione dell'autismo: quella che era prima visto come una condizione senza speranza è ora vista da un folto gruppo di ricercatori come un complesso scompenso, come un malfunzionamento del sistema metabolico. E' da questo scompenso che nascono i loro problemi comportamentali e di apprendimento.

Terapia

Le terapie o gli interventi, di tipo medico ed educativo/comportamentale, vengono scelti in base ai sintomi specifici di ogni individuo. Importante è capire che l'autismo è trattabile e iniziare in fase precoce, a 2 anni, l'approccio comportamentale (ABA). Alla base ci sono stimoli artificiali, rinforzi, per indurre comportamenti accettabili o ridurre quelli autolesivi e ripetitivi. Trattando ogni sintomo, ogni errore del sistema metabolico con opportuni test è possibile un cambio graduale e un miglioramento delle condizioni di salute e del comportamento. Non sistono farmaci che agiscono sul nucleo essenziale del disturbo. Si ricorre agli antipsicotici per ridurre i comportamenti ossessivi e aggressivi. FONTE: www.emergenzautismo.org

Autismo e cammino sulle punte dei piedi

Autismo e cammino sulle punte dei piediRicerca italiana aiuta a comprendere e correggere questo stigma sociale

«Cammina sulle punte, deve essere un bambino autistico». Questo è quanto la maggior parte delle persone pensa vedendo un bambino affetto dal cosiddetto “Toe walking” o “Tip-toe behaviour” per dirla all’anglosassone.
Circa [...]

Autismo, il virus dell'herpes ne aumenta il rischio

Autismo, il virus dell'herpes ne aumenta il rischioPericolosa la presenza in gravidanza di alti livelli di anticorpi contro Hsv-2

Il rischio di autismo nel nascituro aumenta nelle mamme che durante la gravidanza mostrano livelli elevati di anticorpi diretti contro il virus Herpes simplex 2 (Hsv-2). A scoprirlo è uno studio apparso su mSphere [...]

Autismo, diagnosi precoce con risonanza magnetica

Autismo, diagnosi precoce con risonanza magneticaPrimi segni già durante il primo anno di vita

Anticipare la diagnosi è importante per ogni malattia, ma quando si parla di autismo il tempo perso rappresenta davvero un nemico in più. Al momento, la diagnosi avviene intorno ai due/tre anni, quando cominciano ad [...]

Rischio di autismo correlato alla forma del cervello

Rischio di autismo correlato alla forma del cervelloLo spessore della corteccia cerebrale può essere un indicatore

L'autismo ha a che fare anche con la conformazione fisica del cervello. A dirlo è uno studio pubblicato su Jama Psychiatry da un team dell'Università Goethe di Francoforte guidato da Christine Ecker.
I [...]

I batteri intestinali nell'autismo

I batteri intestinali nell'autismoRicercatori americani suggeriscono il possibile trapianto di flora intestinale

Da qualche anno è stata avanzata l'ipotesi di un ruolo dell'apparato gastrointestinale nell'insorgenza e nello sviluppo dell'autismo. Un team della Ohio State University coordinato da Ann Gregory ha proposto il trapianto di flora [...]

Autismo, il rischio sale se c'è carenza di vitamina D

Autismo, il rischio sale se c'è carenza di vitamina DIl deficit durante la gravidanza può aumentare le possibilità della malattia

Una carenza di vitamina D in gravidanza può aumentare il rischio di autismo nel nascituro. Lo afferma una ricerca della University of Queensland in associazione con ricercatori dell'Erasmus Medical Center di [...]

Autismo, sintomi non legati a deficit di funzioni esecutive

Autismo, sintomi non legati a deficit di funzioni esecutive

Ricerca italiana svela la mancanza di un nesso significativo

La presenza di deficit in uno o più domini delle funzioni esecutive nei bambini con autismo non conferma la correlazione tra [...]

Il linguaggio dell'autismo

Il linguaggio dell'autismo

Team inglese cerca di decodificare i segnali lanciati dai bambini malati

L'autismo è un universo misterioso sul quale alcuni ricercatori inglesi stanno tentando di far luce. Un team dell'Università di Manchester, infatti, ha [...]

Autismo da sclerosi tuberosa, nuove cure sono possibili

Autismo da sclerosi tuberosa, nuove cure sono possibili

Studiosi americani lavorano alla messa a punto di nuovi farmaci

Un farmaco per l'autismo. La speranza per migliaia di famiglie che vivono ogni giorno il dramma di un figlio affetto da una delle [...]

Montagnier choc: «I vaccini causano l'autismo»

Montagnier choc: «I vaccini causano l'autismo»

Assurda affermazione del premio Nobel, non supportata da nessun dato sperimental

Vaccini ancora sotto accusa. Stavolta addirittura a parlare è Luc Montagnier, noto per le sue ricerche sull'Hiv. Purtroppo le sue [...]

Autismo, l'importanza delle capacità sociorelazionali

Autismo, l'importanza delle capacità sociorelazionali

Sono determinanti per la comprensione delle intenzioni altrui

La valutazione della capacità di comprendere le intenzioni altrui in un bambino autistico, al momento della presa in carico, è il [...]

Autismo, diagnosi fin dalla nascita

Autismo, diagnosi fin dalla nascita

La metabolomica potrebbe accorciare in maniera decisiva i tempi della diagnosi

È possibile diagnosticare l'autismo sin dai primi vagiti del neonato? Al momento no, ma una ricerca dell'Università di Cagliari e dell'Università di [...]

Autismo, coinvolto il sistema immunitario materno

Autismo, coinvolto il sistema immunitario materno

Alcune disfunzioni aumentano il rischio di disabilità intellettive

Fra le donne con problemi a carico del sistema immunitario le probabilità di generare figli affetti da autismo con disabilità [...]

Autismo, gli occhi di un neonato possono predirlo

Autismo, gli occhi di un neonato possono predirlo

Possibile in futuro una diagnosi precoce basata sullo sguardo del piccolo

Potrebbero bastare pochi giorni di vita per stabilire se un bambino svilupperà un disturbo dello spettro autistico. Lo rivela uno [...]

Autismo, nuovo studio sulle stereotipie

Autismo, nuovo studio sulle stereotipie

Lo scopo è indagare la loro correlazione con la malattia

Indagare la correlazione tra comportamenti stereotipati e disturbi delle spettro autistico. E approfondire un tipo di manifestazione [...]

Il legame fra ossitocina e autismo

Il legame fra ossitocina e autismo

La funzione dell'ormone nella fase di sviluppo neuronale

Durante le prime fasi di vita post-natale avvengono processi di maturazione fondamentali per lo sviluppo del sistema nervoso, che sono il frutto di un [...]

Chi soffre di autismo muore prima

Chi soffre di autismo muore prima

Speranza di vita inferiore alla media, spesso a causa di un suicidio

Le persone affette da disturbi dello spettro autistico vivono in media un numero di anni inferiore rispetto alla popolazione generale. Lo ha fatto [...]

Dalle scimmie un aiuto per capire l'autismo

Dalle scimmie un aiuto per capire l'autismo

Ricreato modello animale per lo studio della malattia

Un gruppo di ricercatori dell'Accademia delle scienze di Shangai ha modificato il genoma di un gruppo di macachi, ricreando condizioni simili [...]

L'impronta dell'autismo nei vasi sanguigni

L'impronta dell'autismo nei vasi sanguigni

Flusso sanguigno ridotto nei pazienti autistici

Un po' di luce su una delle malattie più misteriose che colpiscono l'uomo. Un team di ricercatori della New York University ha scoperto [...]

Autismo, antidepressivi sotto accusa

Autismo, antidepressivi sotto accusa

Evidenziato un aumento del rischio se assunti in gravidanza

Assumere antidepressivi negli ultimi due trimestri di gravidanza favorirebbe l'insorgenza dell'autismo nel nascituro. Lo afferma uno studio condotto [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Autismo, l'importanza del ragionamento fluido

Fattore predittivo di sviluppo cognitivo

Dare tempo e chiarezza alla diagnosi e valutare il ragionamento fluido nei bambini con autismo, predittivo del loro futuro sviluppo cognitivo. Lo scrive Magda Di Renzo, psicoterapeuta dell’età evolutiva e responsabile del servizio terapie dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), in un articolo pubblicato [...]

Autismo, migliorano anche i bimbi più grandi

Ricerca italiana scela l'efficacia di una terapia a lungo termine

Esistono possibilità di miglioramento e trasformazione per quei bambini autistici che iniziano la terapia in età non precocissima, e gli effetti possono mantenersi a lungo termine.
Lo rivela l’Istituto di Ortofonologia di Roma (IdO) nella sua ultima pubblicazione a cura di Magda Di Renzo, [...]

Dalle cellule staminali un aiuto per capire l'autismo

Dalle cellule staminali un aiuto per capire l'autismo

Riprodotti degli organoidi in grado di spiegare l'evoluzione della malattia

Per capire come nasce l'autismo è necessario osservare l'evoluzione cerebrale sin dalla fase embrionale. È ciò che hanno pensato di [...]

Autismo, il cibo non è una discriminante

Autismo, il cibo non è una discriminante

La selettività alimentare non influenza la gravità della patologia

Il rifiuto di alcune categorie di cibo non ha effetti sull’intensità dei sintomi a carico di un bambino autistico. Non si registrano infatti [...]

Autismo, le prime avvisaglie nel pianto

Il progetto NIDA dell'Istituto superiore di sanità

Dalla pancia della mamma e fino ai tre anni di età. È questa la sorveglianza che l’Istituto Superiore di Sanità ha attivato per il riconoscimento precoce dei disturbi dell’età evolutiva e in particolare dei Disturbi dello Spettro Autistico (ASD).
Lo scopo principale del Network NIDA, che grazie ai nuovi [...]

Una dieta per l'autismo

Una dieta per l'autismo

I prodotti a basso indice glicemico sembrano aiutare

L'indice glicemico degli alimenti influenza l'intensità dei sintomi associati all'autismo. Lo dice uno studio pubblicato su Molecular Psychiatry da un team di [...]

Non c'è alcun rapporto fra autismo e vaccini

Non c'è alcun rapporto fra autismo e vaccini

Studio americano esclude anche una responsabilità indiretta

Dalla scienza arriva l'ennesima conferma che, a dispetto delle tante polemiche, autismo e vaccini non hanno nulla a che spartire. Nello [...]

Nello sperma paterno tracce dell'autismo del figlio

Nello sperma paterno tracce dell'autismo del figlio

Ricerca evidenzia la presenza di cambiamenti epigenetici

Una ricerca della Johns Hopkins University ha scoperto la possibile esistenza di alterazioni epigenetiche nello sperma paterno alla [...]

Una nuova tecnica per scoprire le cause dell'autismo

Valida in un caso su tre

D'ora in poi un caso di autismo su tre potrà essere legato a una causa specifica. È il risultato di un vasto progetto di ricerca europeo del Consorzio EU-AIMS, al quale l'Italia ha partecipato con i ricercatori dell'Università Campus Bio-Medico di Roma.
Antonio Persico, docente di [...]

Più probabilità di autismo con la riproduzione assistita

Più probabilità di autismo con la riproduzione assistita

Le tecniche di fecondazione assistita aumentano i rischi

Le vere cause dell'autismo sono ancora da chiarire. Quel che è certo, secondo una ricerca della Columbia University di New York, [...]

L'origine genetica dell'autismo

L'origine genetica dell'autismo

Nuovi studi suggeriscono l'importanza del Dna

È sempre più probabile un ruolo attivo del Dna nell'insorgenza dell'autismo. Uno studio pubblicato su Jama Psychiatry si è concentrato proprio [...]

Dubbi sull'ereditarietà genetica dell'autismo

Dubbi sull'ereditarietà genetica dell'autismo

Molto complesso l'insieme delle mutazioni genetiche coinvolte

È improbabile l'esistenza di mutazioni genetiche specifiche alla base dell'insorgenza dell'autismo. Lo sostiene uno studio pubblicato su [...]