CIRROSI E MALATTIE DEL FEGATO

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Cirrosi e malattie del fegato

Sintomi Diagnosi Terapia


La cirrosi è una affezione del fegato caratterizzata da un aumento del tessuto connettivo dell'organo (sclerosi) e dalla presenza di zone nodulari di rigenerazione degli epatociti. A questa situazione si arriva attraverso alcune tappe che si ripetono con una certa regolarità. In seguito all'azione dei cosiddetti fattori cirrogeni (che determinano la cirrosi), diversi e spesso malconosciuti, il tessuto epatico subisce un danno che va dalla degenerazione (più frequentemente steatosi) alla necrosí. La morte delle cellule stimola un tipo di elementi, chiamati fibroblasti, presenti nel fegato, a proliferare e a produrre in grande quantità tessuto connettivo collagene, il tessuto caratteristico della cicatrizzazione. Probabilmente però i fibroblasti vengono stimolati anche prima dagli stessi fattori cirrogeni che provocano la morte delle cellule. Così i lobuli, che costituiscono l'elemento architettonico del fegato, sono circondati e come strozzati da questi tralci connettivali di nuova formazione. In tal modo molte altre cellule muoiono. e parallelamente si assiste a una proliferazione ulteriore di fibroblasti: di conseguenza gli epatociti rimasti cominciano a proliferare nell'intento di riparare il danno e danno vita a nuovi lobulí, detti anche pseudolobuli che tuttavia risultano ben diversi dai lobuli normali, con architettura sovvertita e privi delle consuete connessioni vascolari; ad esempio è ben difficile osservare la piccola vena centrolobulare. In seguito a tutte queste modificazioni si ha nel tempo fino una riduzione, anche marcata, delle dimensioni del fegato, sia della stasi con ingrossamento della milza splenomegalia), sia di varici emorroidali ed esofagee, responsabili di gravi emorragie gastrointestinali; queste varici, fenomeni di dilatazione e allungamento di segmenti di vena, si instaurano in quanto il sistema della vena porta che raccoglie e porta al fegato il sangue venoso rifluito dall'intestino, ha alcune zone (ad esempio il plesso emorroidario, la vascolarizzazione tra cardia ed esofago o quella nella zona ombelicale) in cui può comunicare direttamente con il sistema della vena cava inferiore. L'aumento di pressione nella vena porta spinge dunque il sangue ad aprire queste vie di comunicazione e a riversarsi direttamente nella vena cava inferiore, aggirando così l'ostacolo rappresentato dal fegato cirrotico. Altra manifestazione tipica della cirrosi è l'ascite. cioè l'accumulo di un liquido povero di proteine (trasudato) in cavità peritoneale, che arriva a far assumere all'addome un aspetto globoso, molto voluminoso, e ha la caratteristica di riformarsi quando il liquido venga estratto con la paracentesi. Nel determinismo dell'ascite entrano in gioco meccanismi complessi anzitutto l'ipertensione portale provoca una fuoriuscita di liquido dai vasi capillari della vena porta e soprattutto da quelli localizzati in corrispondenza del peritoneo e della capsula del fegato: inoltre, poiché a causa della funzionalità compromessa dell'organo vengono sintetizzate meno proteine (albumine e globuline), si verificherà una diminuzione anche delle proteine plasmatiche (ipoproteinemia). Siccome una delle funzioni di queste proteine è quella di richiamare acqua dall'interstizio e di opporsi alla sua fuoriuscita a livello del letto capillare, una loro diminuzione porterà fatalmente all'aumento della quantità di liquido elle esce e che si accumula al di fuori dei vasi. Interviene infine anche una componente ormonale che. se in condizioni fisiologiche funge da meccanismo di compenso, nel cirrotico aggrava invece il quadro. Infatti nel caso di una perdita di liquidi dovuta a varie ragioni, aumenta la concentrazione sanguigna. Particolari cellule avvertono questa modificazione e provocano la secrezione di due ormoni, l'ormone antidiuretico o adiuretina (ADH) e l'aldosterone. L'adiuretina aumenta il riassorbimento di acqua in corrispondenza dei tubuli distali del rene c l'aldosterone. sempre a livello di queste strutture. accresce il riassorbimento del sodio che, per ragioni osmotiche, si trascina dietro anche dell'acqua: come risultato diminuirà la quantità di urina. meno acqua abbandonerà l'organismo e il sangue riavrà la sua giusta diluizione. Nel cirrotico. a causa dell'ipertensione e dell'ipoproteinemia, una certa quantità di liquidi lascerà i vasi e, pur non abbandonando l'organismo, provocherà ugualmente un aumento della concentrazione del sangue e quindi la secrezione di adiuretina e di aldosterone. La ritenzione di acqua dovuta all'azione di questi due ormoni darà origine a un aumento della quantità di liquido che si va accumulando al di fuori (lei distretto capillare della vena porta e che, per ragioni anatomiche, si raccoglie in cavità peritoneale. Gli stessi fattori descritti, eccetto però l'ipertensione portale, spiegano anche la comparsa di edemi, evidenti specialmente in corrispondenza degli arti inferiori. Sempre a causa della profonda compromissione delle funzioni dell'organo, compaiono anche ittero e alterazioni endocrine;queste ultime consistono essenzialmente in una marcata diminuzione della libido, nella comparsa di ginecomastia c di dilatazioni di piccoli vasi cutanei (teleangectasie aracniformi) e sono dovute al fatto che il fegato non è più in grado di metabolizzare gli ormoni sessuali, maschili e femminili, che gli arrivano, neutralizzandone così l'azione.

Sintomi

La sindrome caratteristica della cirrosi compare tardivamente e non sempre completa di tutti i sintomi descritti; essa comunque è difficilmente reversibile e sfocia nel coma epatico se non sopravviene prima la morte per la possibilità di gravi emorragie. 1 sintomi che la precedono, che compaiono invece precocemente, sono alquanto aspecifici e consistono in rifiuto del cibo, vomito e nausea emissione di gas e disturbi gastrointestinali. Gli esami sono quelli classici che permettono di accertare uno stato d’insufficienza epatica. Un problema assai dibattuito in sede scientifica è quello del rapporto tra cancro e cirrosi . Esiste tra i due fenomeni una correlazione assai stretta tanto che i recentissimi studi confermano questa “alleanza” mortale.

Diagnosi

Per la diagnosi, di solito sono sufficienti i sintomi e i segni della cirrosi o i risultati delle prove di funzionalità epatica. Comunque, generalmente si esegue anche una biopsia epatica per confermare la diagnosi e per trovare indizi sulla causa primaria. Cause più rare di cirrosi possono essere escluse attraverso particolari esami del sangue e coagulazione.

Terapia

Il trattamento più opportuno è quello di un riposo assoluto a letto cercando di reintegrare le funzioni epatiche perdute. E’ importante la somministrazione di vitamine A e D e del complesso B oltre alle proteine e agli zuccheri. Contro il fenomeno dell’ascite esistono varie terapie comprese quella chirurgica. Ma solo un buon medico specialista saprà identificare il trattamento giusto in casi di questo genere.

La dieta mediterranea previene il fegato grasso nei bambini

La dieta mediterranea previene il fegato grasso nei bambiniLa mancata adesione al regime alimentare stimola l'insulino-resistenza

I bambini che seguono correttamente la dieta mediterranea corrono un rischio ridotto di sviluppare fegato grasso. Viceversa, una scarsa aderenza a questo regime alimentare comporta una maggiore [...]

Fegato grasso, nuova tecnica per valutare le condizioni

Fegato grasso, nuova tecnica per valutare le condizioniValutare l’elasticità dell’organo indica lo stato di salute

Novità diagnostiche per una malattia sempre più frequente nell’infanzia, il fegato grasso. Una tecnica del tutto non invasiva consente di vedere se il fegato del bambino abbia iniziato a perdere funzionalità [...]

Colangite biliare primitiva, approvato Ocaliva

Colangite biliare primitiva, approvato OcalivaL'acido obeticolico è il nuovo trattamento per la malattia

È stato approvato l'acido obeticolico per il trattamento della colangite biliare primitiva (CBP), anche nota come cirrosi biliare primaria. L'Agenzia europea del farmaco ha autorizzato l'immissione in commercio di [...]

Fegato spappolato per troppi energy drink

Fegato spappolato per troppi energy drinkUn americano di 50 anni ricoverato per epatite acuta

Aiuteranno anche a tenersi un po' su, ma il fegato proprio non li manda giù. Sono gli energy drink, le ormai popolari bibite gassate che contengono sostanze eccitanti e sono sempre più vendute e consumate in tutto il mondo. [...]

Il caffè fa bene al fegato

Il caffè fa bene al fegatoEffetto positivo nel contrastare alcuni disturbi epatici

Il caffè è una delle bevande più amate e diffuse al mondo, ma non tutti i “caffeinomani” sono a conoscenza dei benefici della bevanda per il nostro benessere.
Diversi studi scientifici assocerebbero il consumo di caffè a un effetto [...]

Fegato penalizzato dalla sedentarietà

Fegato penalizzato dalla sedentarietàStare troppo tempo seduti favorisce l'accumulo di grasso epatico

Non c'è niente da fare, stare seduti è una conquista dell'evoluzione che paghiamo a caro prezzo. Secondo un nuovo studio, infatti, oltre al rischio di obesità e di malattie cardiovascolari di varia natura, a fare le spese di [...]

Il peperoncino è amico del fegato

Il peperoncino è amico del fegato

Effetti positivi anche dal pane alle alghe

Può suonare strano, ma i cibi piccanti fanno bene al fegato. Secondo i risultati di uno studio belga della Vrije Universiteit di Bruxelles, infatti, il [...]

Linee guida per il danno epatico indotto dai farmaci

Nuovo documento per la gestione del problema

Diagnosticare il danno epatico causato dai farmaci (Dili) è piuttosto complicato. Si tratta di una condizione che necessita di un'attenta anamnesi e basata su una diagnosi di esclusione.
Ad aiutare i medici arrivano ora le [...]

Le pratiche da evitare in epatologia

Le procedure da scartare secondo gli esperti americani

Anche gli epatologi americani hanno deciso di contribuire al progetto Choosing wisely, stilando una lista di 5 procedure da evitare perché inutili, costose o addirittura pericolose.
Ecco la lista dell'American [...]

Il caffè contro la cirrosi

Il caffè contro la cirrosi

Il consumo della bevanda diminuisce il rischio della patologia

Il consumo di caffè è associato a un rischio minore di sviluppare la cirrosi epatica. A dirlo sono alcuni ricercatori della Duke-NUS Graduate Medical School e [...]

Defibrotide per la malattia veno occlusiva epatica grave

Primo e unico farmaco per la cura della patologia

Entra in commercio defibrotide, il primo e unico farmaco approvato in Europa per il trattamento della malattia veno occlusiva epatica grave (definita sVOD o VOD grave) in adulti e bambini di oltre 1 mese di età, sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche (TCSE).
Ad [...]

Un mese di astinenza dall'alcol fa rinascere

Un mese di astinenza dall'alcol fa rinascere

Effetti positivi su peso, colesterolo e glicemia

Basta un mese senza mandare giù neanche una goccia di alcol per vedere i primi importanti effetti positivi sulla propria salute. A dirlo è [...]

Cellule di grasso trasformate in cellule epatiche

Cellule di grasso trasformate in cellule epatiche

Nuovo metodo rapido, efficace e sicuro

Trasformare cellule adipose in cellule epatiche per venire incontro alle esigenze terapeutiche determinate ad esempio da [...]

Gli estrogeni aiutano il fegato delle donne

Gli estrogeni aiutano il fegato delle donne

Rischi minori di fibrosi del fegato rispetto agli uomini

I soggetti affetti da steatoepatite non alcolica rischiano una fibrosi grave del fegato. Tuttavia, nelle donne questo pericolo è minore [...]

Problemi al fegato a causa del cadmio

Problemi al fegato a causa del cadmio

Un'esposizione elevata aumenta il rischio di morte

Un livello elevato di cadmio nell'organismo rende più probabile il decesso per ragioni legate alle malattie del fegato. Il metallo è molto [...]

Vitamina D contro la fibrosi epatica

Vitamina D contro la fibrosi epatica

Il calcipotriolo limita la risposta fibrotica

Per ridurre la fibrosi epatica potrebbe essere utile una forma sintetica di vitamina D, il calcipotriolo. A dirlo è una ricerca del Salk Institute [...]

Midodrina nuova speranza contro l'ascite

Il vasocostrittore utile anche non in associazione con altri farmaci

Che la midodrina avesse un effetto positivo in caso di ascite già si sapeva, ma che esercitasse questo effetto anche non in associazione con altri farmaci è una novità emersa da un recente studio. Per ascite si intende la raccolta di liquido nella cavità peritoneale.
La midodrina agisce sull'emodinamica e [...]

La “riso-albumina”

La “riso-albumina”

Da un chicco di riso si ottiene proteina equivalente all'albumina umana

Da un chicco di riso ricercatori cinesi della Wuhan University, con l'aiuto dei colleghi canadesi del National Research Council of Canada e americani del Center for [...]

Cellule epatiche nuove e sane al posto del trapianto

Cellule epatiche nuove e sane al posto del trapianto

Una forbice molecolare trasforma staminali in epatociti

In futuro sarà possibile riparare danni epatici con l'innesto di cellule staminali riprogrammate prelevate dal paziente stesso. È il [...]

L’epatite C acuta: possibili indicatori di prognosi

L’epatite C acuta: possibili indicatori di prognosi

Determinati polimorfismi genetici, possono guarire spontaneamente

L'epatite C è un’infezione virale del fegato, che molto spesso assume un decorso cronico; può rimanere asintomatica per un periodo [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Un'alternativa al trapianto di fegato

Un'alternativa al trapianto di fegato

Replicate cellule epatiche a partire dalla placenta

Uno studio italo-americano nato dalla collaborazione fra l'Università di Cagliari e quella di Pittsburgh ha prodotto un grande passo in avanti [...]

Cellule staminali pluripotenti nel fegato

Studio sulle modalità di attivazione e differenziamento delle cellule

Le vie biliari umane vengono distinte anatomicamente in due porzioni: le vie biliare intra-epatiche e le vie biliari extra-epatiche. In entrambe le porzioni delle vie biliari è recentemente stata identificata la nicchia di cellule staminali/progenitrici. Lo studio di questa nicchia e l’isolamento di tali [...]

Fegato malato, le staminali lo riparano

Fegato malato, le staminali lo riparano

Scoperta italiana sulle malattie del fegato

In coincidenza con un fegato in difficoltà, intervengono le cellule staminali del midollo osseo che, attraverso il plasma, accorrono per curare [...]

Nuovo parametro di valutazione della cirrosi epatica

Ricerca italiana mette a punto un sistema per stimare la gravità della patologia

La permeabilità dell'intestino come parametro per la cirrosi epatica. È la sintesi di una ricerca italiana che pare aver trovato un metodo per stabilire la quantità di batteri che riescono a superare la parete intestinale nei pazienti affetti da cirrosi.
Lo studio è a firma di un gruppo di [...]

Nuova terapia con peginterferone alfa-2a per l'epatite C

La Commissione Europea ha approvato la combinazione di peginterferone alfa-2a e ribavirina per il trattamento dei pazienti affetti da epatite C, per i quali il trattamento iniziale con interferone alfa (pegilato o non-pegilato) in monoterapia o in combinazione con ribavirina non ha avuto [...]

Prodotte cellule epatiche dai linfonodi

Prodotte cellule epatiche dai linfonodi

I malati di fegato possono sorridere, felici di poter nutrire una nuova e concreta speranza per la loro salute. I ricercatori dell'Università di [...]

NAFLD e NASH associate a patologia cardiovascolare

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e la sua forma più grave, la steatoepatite non alcolica (NASH), costituiscono un problema sanitario significativo che colpisce milioni di persone in tutto il mondo ed in particolar modo nei paesi occidentali. La NAFLD è un accumulo lipidico nel fegato la [...]

Nuovo esame del sangue rivela danni al fegato

Non invasivi e immediati. Sono i nuovi test che permettono di diagnosticare, con un esame del sangue, la fibrosi epatica, spia delle principali malattie del fegato, evitando le fastidiose conseguenze della biopsia (da quelle minori - fino al 30% dei casi riferisce dolore - a quelle più severe, inclusa [...]

Un decalogo per la salute del fegato durante le feste

Un decalogo per la salute del fegato durante le feste

Le malattie epatiche sono spesso associate a particolari stili di vita, dieta non regolata, uso eccessivo di alcool. E le Feste [...]

La rigenerazione del fegato dipende anche dal midollo

Basta nutrirle con la molecola giusta e le cellule staminali del midollo osseo si trasformano anche in cellule epatiche.
Fino a pochi anni fa si credeva che il fegato non possedesse cellule staminali proprie, quelle cellule cioè che servono a ricostruire i tessuti danneggiati. Esso è, [...]

Malattie del fegato silenziose ma mortali

Malattie del fegato silenziose ma mortali

Ogni ora, 2 persone muoiono, in Italia, a causa di una malattia cronica del fegato, come cirrosi ed epatocarcinoma. Il 10% di queste persone [...]

Malattie croniche del fegato

In Italia, ogni anno muoiono più di ventimila persone per malattie croniche di fegato, come la cirrosi e l'epatocarcinoma. E il 10% di loro era affetto da epatite C, spesso senza nemmeno saperlo. Eppure, un recente studio coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità dimostra che l’epatite C è causa unica o concausa di [...]