EMORROIDI E STIPSI

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Emorroidi e stipsi

Sintomi Diagnosi Terapia


Cura emorroidi

Le emorroidi sono cuscinetti di tessuto riccamente vascolarizzato, che rivestono la parte inferiore del retto e che hanno la funzione di chiudere completamente il canale anale, contribuendo alla continenza fecale. Quando questi tessuti subiscono delle modificazioni, che producono i sintomi caratteristici della malattia emorroidaria, comunemente denominata "emorroidi". Le emorroidi rappresentano uno dei problemi più comuni dell'intestino, anche se è difficile stabilirne la reale incidenza (solo una minoranza dei pazienti consulta il medico). Si calcola tuttavia che, nei paesi industrializzati, ne soffra almeno il 50% della popolazione adulta. Le emorroidi si manifestano più spesso fra i 45 e i 65 anni e, per quanto riguarda la loro comparsa, non sembrano esservi differenze fra i sessi. Le ricadute sono frequenti. I sintomi della malattia sono diversi a seconda che si tratti di emorroidi interne o esterne. Le emorroidi interne, posizionate dentro l'ano, provocano dolore, sanguinamento e prurito solo in relazione al passaggio delle feci e possono essere considerate lo stadio iniziale della malattia. Col passare del tempo la malattia progredisce e i cuscinetti emorroidari dapprima fuoriescono durante la defecazione ma rientrano spontaneamente, poi rientrano solo sospingendoli manualmente all'interno dell'ano; infine rimangono definitivamente esterni (prolassate). A questo stadio sono estremamente dolorose e frequentemente possono complicarsi con la formazione di coaguli nel loro interno (trombosi emorroidaria).

Sintomi

Perdite di sangue al momento della defecazione. Inoltre sensazione di fastidio, prurito, prolasso, edema, dolore e perdite di muco. Il fastidio e il dolore sono in genere dovuti alla parte esterna delle emorroidi; un dolore particolarmente acuto può tuttavia essere segno di trombosi emorroidaria. Il prurito può essere causato da una non accurata pulizia dell'orifizio anale dopo la defecazione (impedita dall'edema intorno all'ano) e dalle fastidiose perdite che sono spesso conseguenza di una aumentata produzione di muco da pare dei tessuti prolassati

Diagnosi

Il sanguinamento dall’ano Cause: sono molteplici e spesso dovute ad emorroidi, ragadi, ma anche a tumori, diverticoli, ecc. Talvolta il sanguinamento è imponente oppure subdolo “goccia a goccia” e può provocare anemia anche molto grave. Cosa fare: in presenza di sanguinamento anche lieve è sempre prudente, rivolgersi comunque al proprio Medico curante o ad uno Specialista esperto di Colon-proctologia. La trombosi emorroidaria Frequente e molto dolorosa, porta quasi sempre a necessitare di una terapia specialistica: insorge infatti una tumefazione violacea dolorosissima con gonfiore dei tessuti circostanti (edema). Può essere trattata con terapia medica o con incisione chirurgica in anestesia locale. L’ascesso perianale Spesso insorge periodicamente a partenza dalle cripte ghiandolari (ghiandole anali) presenti nel tratto intrasfinterico, decorre lungo il decorso delle ghiandole stesse ed è quasi sempre sostenuto da una fistola, semplice e superficiale o profonda e molto complessa. Può assumere grosse dimensioni con tumefazione calda, arrossata, fortemente dolente con febbre anche elevatissima e, talvolta, setticemia. Poiché la terapia antibiotica, da sola, è quasi sempre insufficiente, necessita sempre di una competenza specialistica colon-proctologica per il drenaggio o per il trattamento radicale, quando possibile. Talora, se non impostata correttamente la diagnosi e la terapia, possono essere necessari molteplici interventi

Terapia

La terapia medica può essere soltanto palliativa e consiste nell’applicazione di pomate o di supposte analgesiche, decongestionanti o antinfiammatorie. È inoltre opportuno trattare l’eventuale anemia. Talvolta certi cibi possono causare il prurito anale, deve essere accertato l’effetto della loro eliminazione da una specifica e personalizzata dieta. Gli indumenti devono essere larghi e non aderenti e le coperte del letto leggere. Dopo ciascuna defecazione, l’area perianale deve essere pulita con del cotone assorbente inumidito con acqua. Le cause sistemiche e le infestazioni parassitarie devono essere trattate in modo specifico. Sono varie le tecniche di terapia chirurgica ed ognuna ha una precisa indicazione in relazione alla fase della malattia e del quadro clinico in essere; deve quindi essere personalizzata. La chirurgia proctologica spesso viene descritta come una chirurgia facile ma non è quasi mai vero: è una chirurgia delicatissima. La più recenti terapie chirurgiche, infatti, non sono più orientate ad asportare solamente le vene emorroidarie prolassate (intervento spesso non radicale e molto doloroso). E’ necessario infatti eseguire una terapia radicale e definitiva della malattia emorroidaria e, contemporaneamente, anche un “lifting” completo della mucosa prolassata. L’intervento viene eseguito operando nella parte alta del canale anale che è indolore quindi senza il dolore tipico dei comuni interventi chirurgici e senza dolorose medicazioni) e con ripresa quasi immediata della defecazione e delle normali attività. La nuova metodica riporta ad una situazione di normalità anche le vene emorroidarie, senza più dolore o sanguinamenti. Questo intervento di ricostruzione ripristina una normale funzione e restituisce alla regione anale anche una corretta conformazione estetica.

Emorroidi, tecnica della suturatrice perfezionata

Emorroidi, tecnica della suturatrice perfezionataMolti i vantaggi per le vittime del disturbo

La tecnica della suturatrice meccanica circolare per le emorroidi è stata perfezionata con il superamento di alcuni limiti che ne rendevano non conveniente l'adozione. Alcuni studi avevano segnalato infatti un tasso [...]

Emorroidi, come limitare il rischio di recidiva

Emorroidi, come limitare il rischio di recidivaImportanza dell'inquadramento clinico nella chirurgia delle emorroidi

In Italia circa il 20% degli adulti ha sofferto almeno una volta nella vita di disturbi legati alla malattia emorroidaria sia in relazione alla componente vascolare (rettorragia, irritazione, prurito, dolore acuto, [...]

Una pillola per vincere la stitichezza

Una pillola per vincere la stitichezzaUna capsula che vibra favorisce la peristalsi

Buone vibrazioni. Quelle promesse da una nuova pillola concepita da un team di ricerca del Tel-Aviv Sourasky Medical Center guidato dal dott. Yishai Ron. La capsula vibra all'interno del colon aumentando la peristalsi, cioè [...]

ELP, la cura efficace per il prolasso emorroidario

La cura più moderna, efficace e indolore

La ELP – Endo Luminal Prolapsectomy / Prolassectomia endoluminale - è la nuova tecnica chirurgica indolore e rapida per risolvere definitivamente in un solo giorno il problema del prolasso emorroidario/rettale, eliminando i disturbi ed il dolore , riportando al suo posto anche [...]

Per liberarsi dalla stitichezza

Per liberarsi dalla stitichezzaCome viene curata e come dovrebbe essere curata

L’esperienza clinica, purtroppo, evidenzia un gravissimo fattore di rischio, assai frequente in Italia: la cura della stitichezza nel 50 per cento dei casi è gestita direttamente dal paziente con auto-prescrizioni e tentativi più o [...]

Stipsi cronica, novità terapeutiche

La patologia al centro dei lavori di un congresso

Le malattie funzionali gastrointestinali sono probabilmente i disturbi che più spesso entrano nel vissuto di ciascuno di noi, ciononostante ancora non ricevono l’attenzione che meriterebbe il loro impatto sociosanitario. In questa categoria, infatti, rientrano condizioni ad alta prevalenza [...]

La stipsi cronica

Un’indagine per un annoso problema che colpisce molte persone

In Italia le persone affette da stipsi cronica sono per l’80% donne, con un’età media di 50 anni, e da circa 17 anni soffrono di questa patologia.
Questo, in estrema sintesi, l’identikit del paziente affetto da stipsi cronica, patologia che colpisce circa il 15%-20% della popolazione italiana, descritto dalla ricerca LIRS – [...]

In proctologia prima regola ascoltare il paziente

Il riscontro clinico è essenziale

In proctologia il paziente deve essere ascoltato in base all’anamnesi e quindi ai sintomi. Bisogna risalire all’obbiettività clinica ove spesso la prestazione medica potrebbe sembrare semplice e automatica, vista l’apparente scarsità di varietà di sintomi. Ancora oggi, anche Medici dedicati, [...]

Curare le emorroidi con una tecnica semplice

Curare le emorroidi con una tecnica semplice

Si esegue in anestesia locale, quasi nullo il dolore post-operatorio

Nell'ultimo ventennio la crescente esperienza chirurgica e l'avvento di nuovi strumenti hanno messo a punto nuove tecniche che, essendo meno [...]

Emorroidi, una tecnica innovativa, il metodo THD

L'esperienza dell'Università Cattolica S. Cuore di Roma

La dearterializzazione emorroidaria transanale metodo THD è una tecnica innovativa per trattare la malattia emorroidaria.
Questa tecnica prevede l’accurata identificazione delle arterie emorroidarie mediante Doppler e la loro legatura a livello del retto inferiore.
Nei pazienti con [...]

Nuovo sistema di classificazione della malattia emorroidaria

Uno studio prospettico per testarne la validità

È noto che circa il 15% dei pazienti con malattia emorroidaria (ME) sintomatica deve ricorrere ad intervento chirurgico, mentre nella maggior parte dei casi l’opzione terapeutica è conservativa.
La scelta accurata di ogni singola procedura, a causa della migliore caratterizzazione [...]

Nuovo trattamento per le emorroidi

Migliorare il decorso post-operatorio

Nei decenni passati sono state sviluppate molte tecniche chirurgiche per il trattamento sintomatico delle emorroidi. Nel 1998 Antonio Longo ha introdotto l’emorroidopessi con Stapler (SH). La più comune obiezione all’esecuzione di questa procedura nelle unità di Day Surgery è stata il rischio di un sanguinamento [...]

Emorroidi, un vademecum

I comportamenti da adottare (e quelli da evitare) per combattere le emorroidi

Le emorroidi sono un disturbo del retto e dell’ano molto diffuso. La causa risiede nella dilatazione delle vene dovuta ad una pressione prolungata nella zona, da ricondursi ad esempio al fatto che si passi molto tempo seduti o in piedi, o che si soffra di stipsi. Dolore, prurito ed evacuazione dolorosa sono i sintomi. Per [...]

Un intervento può risolvere i problemi di stitichezza

Un intervento può risolvere i problemi di stitichezza

Stitichezza addio. Si può risolvere questo fastidioso problema con un intervento chirurgico innovativo, messo a punto nel 1993 dal [...]

Stipsi e qualità della vita

Stipsi e qualità della vita

La stipsi è un problema che tutti conosciamo. Se ne è parlato a Roma, in occasione del congresso dell’Associazione per la Neuro Gastroenterologia e la [...]

False credenze e luoghi comuni sulla stipsi

"La stipsi rappresenta un problema epidemiologico di prima grandezza che riguarda tutta la popolazione – ha affermato il prof. Enrico Corazziari, Presidente dell'Associazione ANEMGI - Anche tra i bambini al di sotto dei dodici anni, come mostra un nostro recente studio nazionale, il 10% presenta le [...]

Nuova metodica per emorroidi

Niente più paure grazie all'intervento per emorroidectomia con apparecchio "Hal Doppler". Questa nuova metodica per la rimozione delle emorroidi già adottata in varie nazioni e di cui Italiasalute.it si era già occupata mesi addietro, grazie all’assenza di dolore post-operatorio, permette di cambiare radicalmente la [...]

Confermata l'efficacia di nuove terapie per le emorroidi

L'Associazione americana di gastroenterologia conferma l'efficacia di nuove terapie contro le emorroidi.
Nelle sue raccomandazioni l'associazione cita una sola classe di trattamenti medicali efficaci, quelli definiti "Frazione Flavonoica Purificata (FFPM)".
La comparsa di [...]

Quando fallisce il lassativo

C’è un problema che assilla almeno 10 italiani su cento. Considerando l’età superiore ai 60 anni sono almeno 40 le persone su cento coinvolte. E’ la stipsi nella forma cronica. Per avere un’idea dell’entità del problema stipsi basta considerare che in Italia la spesa per i lassativi si aggira sui 70 milioni di euro [...]

La stipsi

Si descrive con questo termine la diminuzione della frequenza delle evacuazioni, malessere che può essere associato (o meno) a difficoltà dovute a feci dure.
La sintomatologia della stipsi il più delle volte è lieve ed aspecifica; possono, tuttavia, comparire dolore in concomitanza dell'evacuazione; senso di incompleto svuotamento [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici