ICTUS

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Ictus

Sintomi Diagnosi Terapia


Ictus Lesione di parte dell'encefalo provocata dall'interruzione dell'irrorazione sanguigna o dal travaso di sangue attraverso le pareti dei vasi encefalici. La sensibilità, il movimento o la funzione controllati dalla zona lesa sono ridotti. In circa un terzo dei casi l'ictus risulta mortale e rappresenta una delle principali cause di morte nei paesi industrializzati. Tra le cause di questa malattia ci sono: pressione sanguigna elevata, fibrillazione atriale, lesioni di una valvola cardiaca e un infarto miocardico. Tutte queste condizioni sono in grado di provocare la formazione, nel cuore, di coaguli di sangue che possono rompersi e venire trasportati all'encefalo.

Sintomi

Una lesione a una zona specifica dell'encefalo riduce la sensibilità, il movimento oppure la funzione del corpo, controllata da quella parte dell'encefalo. Un ictus che colpisca l'emisfero cerebrale dominante, in genere il sinistro, può provocare alterazioni del linguaggio e della parola. Il movimento di un lato del corpo è controllato dall'emisfero cerebrale situato sul lato opposto. Quindi, una lesione delle zone che controllano il movimento poste nell'emisfero cerebrale destro provoca debolezza o paralisi della parte sinistra del corpo. Questa debolezza o paralisi monolaterale, chiamata emiplegia, è una delle conseguenze più comuni di un grave ictus. Quando i sintomi durano meno di 24 ore e sono seguiti da una ripresa completa, l'episodio si chiama attacco ischemico transitorio. Questo tipo di attacco, che in genere dura pochi minuti, è un segnale di allarme rivelatore del fatto che una parte dell'encefalo riceve un'insufficiente quantità di sangue.

Diagnosi

Se si pensa che un individuo sia stato colpito da un ictus, occorre chiamare immediatamente il medico o un ambulanza. In circa due terzi dei casi, i sintomi sono di gravità tale da rendere necessario il ricovero. Viene eseguita una tomografia computerizzata cerebrale per stabilire se i sintomi lamentati dal paziente sono provocati da un ictus o da un'altra lesione, per esempio un tumore cerebrale, un ascesso cerebrale, un'emorragia nello spazio posto tra la membrana interna di rivestimento dell'encefalo e quella intermedia o da infiammazione dell'encefalo.

Terapia

La terapia specifica varia secondo il tipo di ictus: ischemico o emorragico. Nei casi emorragici è sempre necessario il ricovero per la rapida evoluzione peggiorativa, nei casi ischemici il ricovero è spesso necessario, ma i TIA di brevissima durata a volte vengono trattati anche a domicilio. Gli ictus ischemici rappresentano il 75% dei casi, in questi casi possono essere utili gli antiaggreganti e gli anticoagulanti (da proscrivere se c'è sospetto di emorragia), se c'è coma ed edema cerebrale l'assistenza è di tipo "intensivo", la pervietà delle vie respiratorie e le funzioni vitali vanno sostenute anche meccanicamente. Per contrastare l'edema cerebrale si infonde mannitolo o glicerolo endovena per richiamare l'acqua dai tessuti, ma non in caso di insufficienza renale né di sospetta emorragia. La pressione arteriosa va controllata con appropriata terapia diuretica endovena ed anti-ipertensivi, si possono somministrare corticosteroidi, sempre per via endovenosa, anche se non tutti i protocolli li contemplano come farmaci veramente efficaci. Nel caso di ictus emorragico, 25% dei casi, la terapia va adeguata alla causa dell'emorragia, se è presente una rottura di aneurisma intracranico di piccole dimensioni la neurochirurgia può dare speranze di sopravvivenza, se c'è una emorragia massiva per rottura di un grosso vaso ed eventuale concomitante ipertensione, la prognosi è infausta. Nell'emorragia i sintomi tendono a peggiorare nel tempo, contrariamente a quanto avviene nell'ischemia, in cui dopo un aggravamento iniziale riprende un graduale recupero. Nella fase post-acuta è di fondamentale importanza la terapia fisica riabilitatoria.

Ictus, il veleno di un ragno riduce i danni

Ictus, il veleno di un ragno riduce i danniCervello più protetto se assunto entro 8 ore

Sembra un paradosso, ma il veleno di un ragno australiano potrebbe rivelarsi benefico per i pazienti colpiti da ictus. Ad annunciarlo sono i ricercatori della University of Queensland in Australia guidati da Glenn [...]

Ictus, scoperto enzima che lo favorisce

Ictus, scoperto enzima che lo favorisceNox2 aumenta il rischio di occlusione dell'arteria carotide

L'enzima Nox2 aumenta il rischio di aterosclerosi e di occlusione dell'arteria carotide, e di conseguenza anche quello di insorgenza dell'ictus. A scoprirlo sono stati i ricercatori dell'Università La Sapienza di Roma, che [...]

Ictus, il magnesio ne riduce il rischio

Ictus, il magnesio ne riduce il rischioAnche diabete e scompenso cardiaco sono meno frequenti

Un'integrazione alimentare a base di magnesio è associata a una riduzione del rischio di insorgenza di ictus, scompenso cardiaco e diabete. Lo rivela uno studio pubblicato su BMC Medicine da un team dell'Università Zhejiang [...]

Un ictus dal parrucchiere

Un ictus dal parrucchiereRischio di coaguli sanguigni a causa della testa inclinata

Andarsi a tagliare i capelli e ritrovarsi vittima di un ictus. È l'incredibile vicenda occorsa a un inglese di 45 anni, Dave Tyler, che si era recato in un salone di bellezza di Brighton appunto per sistemarsi l'acconciatura.
Due [...]

Ictus, Betrixaban ne riduce il rischio

Ictus, Betrixaban ne riduce il rischioL'efficacia dell'inibitore del fattore Xa

I pazienti ricoverati che assumono Betrixaban vedono ridursi il rischio di insorgenza di un ictus. Lo rivela uno studio pubblicato su Circulation e condotto dal Beth Israel Deaconess Medical Center presso l'Harvard Medical [...]

Fibrillazione atriale, tre biomarcatori per l'ictus

Fibrillazione atriale, tre biomarcatori per l'ictusIl loro utilizzo migliora la stima di rischio

Introdurre tre nuovi biomarcatori nella valutazione del rischio di ictus fra i pazienti affetti da fibrillazione atriale consente di migliorare l'efficacia del punteggio CHA2DS2-VASc.
Lo dice uno studio apparso [...]

Ischemia cerebrale, come agiscono le staminali nel recupero

Ischemia cerebrale, come agiscono le staminali nel recupero

Svelata l'azione terapeutica delle cellule

In caso di danno cerebrale dovuto a ictus, il trapianto di cellule staminali neurali potrebbe offrire in futuro una strategia [...]

Ictus, nuova stimolazione utile per le mani

Ictus, nuova stimolazione utile per le mani

Tecnica innovativa permette di recuperare forza negli arti superiori

Sopravvivere a un ictus può diventare un vero e proprio calvario per via degli effetti sull'organismo, in particolare sulla funzionalità [...]

L'aspirina aiuta in caso di ictus

L'aspirina aiuta in caso di ictus

La sua assunzione regolare limita gli effetti negativi

Il rischio di morire a causa di un ictus diminuisce sensibilmente grazie all'assunzione di un quarto di aspirina al giorno. Lo dice uno studio [...]

Le staminali curano l'ictus

Le staminali curano l'ictus

Alcuni pazienti recuperano le funzioni motorie perdute

Anche per i soggetti colpiti da un ictus la speranza è rappresentata dalle cellule staminali. Uno studio pubblicato su Stroke segnala l'efficacia di una [...]

Ictus e afasia, ecco chi può riacquistare il linguaggio

Ictus e afasia, ecco chi può riacquistare il linguaggio

Fondamentale l'analisi dell'emisfero destro

In caso di ictus, uno dei danni principali è la perdita del linguaggio. Per capire se ci sono possibilità di ripresa dall'afasia [...]

Prevenire l'ictus con l'alimentazione

Prevenire l'ictus con l'alimentazione

Gli alimenti da prediligere e quelli da evitare

L'ictus è un fenomeno in continuo aumento a causa degli stili di vita errati che conduciamo, in particolare per ciò che riguarda l'alimentazione. [...]

Ictus, i primi sintomi non vanno trascurati

Ictus, i primi sintomi non vanno trascurati

Le tre ore successive alla crisi sono fondamentali

Tre ore per salvare la propria vita, per mantenere una certa qualità di vita. Una ricerca del Ronald Reagan UCLA Medical Center di Los [...]

Ictus, un gene ne aumenta le probabilità

Ictus, un gene ne aumenta le probabilità

Più rischi se l'espressione di Ndufc2 è ridotta

La ridotta espressione di un gene, denominato Ndufc2, è correlata a un aumento del rischio di ictus cerebrale, soprattutto in presenza di [...]

Dabigatran previene l'ictus come Warfarin

Dabigatran previene l'ictus come Warfarin

Studio real life sugli effetti del farmaco

Uno studio pubblicato su Circulation ha messo in luce gli effetti di Dabigatran nella pratica clinica del mondo reale. Il farmaco risulta [...]

Alteplase per l'ictus ischemico acuto

Alteplase per l'ictus ischemico acuto

Entro le quattro ore e mezza dall’insorgenza dei sintomi limita i danni

Un nuovo studio pubblicato su Stroke analizza i criteri sulla base dei quali si somministra o meno Alteplase nei pazienti colpiti da ictus [...]

Parlare più lingue aiuta in caso di ictus

Parlare più lingue aiuta in caso di ictus

Il plurilinguismo migliora la capacità del cervello di resistere ai danni

Essere colpiti da un ictus è un evento traumatico e potenzialmente molto dannoso. Tuttavia, se si è in grado di parlare due o più lingue gli [...]

Il guanto che aiuta a superare l'ictus

Il guanto che aiuta a superare l'ictus

Dispositivo indossabile che facilita la riabilitazione

Un guanto robotico intelligente e connesso alla rete che aiuta i pazienti nel processo di riabilitazione dopo un ictus. È ciò che ha messo a punto [...]

L'ictus da marijuana

L'ictus da marijuana

La causa scatenante è diversa da quella classica

Chi fuma marijuana rischia un tipo di ictus specifico che si differenzia da quello classico. Una lettera di analisi pubblicata sul Journal of the American College [...]

La stimolazione magnetica transcranica per l'ictus

Deficit cerebrali indotti curati con la metodica

I pazienti colpiti da ictus che hanno sviluppato disabilità a un arto possono recuperare la libertà di movimento grazie alla stimolazione transcranica magnetica (Tms). Lo dice uno studio condotto su 30 soggetti stimolati attraverso campi magnetici applicati dall'esterno.
Il lavoro, firmato dagli [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Un nuovo farmaco contro i danni da ictus

Un nuovo farmaco contro i danni da ictus

Sintetizzato dai ricercatori dell'Istituto Mario Negri

Un nuovo farmaco sintetizzato da ricercatori italiani sembra in grado di ridurre del 50 per cento i danni neuronali connessi con l'insorgenza di [...]

Carotide stretta e ictus, meglio non intervenire

Carotide stretta e ictus, meglio non intervenire

Una terapia aggressiva può essere più pericolosa

Chi presenta un restringimento dell'arteria carotide affronta spesso una serie di test preventivi per evitare l'insorgenza di un ictus. [...]

L'efficacia di rivaroxaban per la prevenzione dell'ictus

I risultati degli studi clinici

Rivaroxaban si rivela efficace nella prevenzione dell'ictus in pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare. A confermarlo sono i risultati di Xantas, uno studio internazionale osservazionale nel quale sono stati reclutati quasi 7mila pazienti in diversi centri europei, canadesi e [...]

La musica aiuta chi è colpito da ictus

La musica aiuta chi è colpito da ictus

Sperimentazione italiana dimostra i benefici della musica

I pazienti colpiti da un ictus possono beneficiare degli effetti prodotti sul nostro cervello dalla musica. Lo dimostra uno studio pubblicato sul [...]

Un colesterolo sotto controllo riduce il rischio di ictus

Un colesterolo sotto controllo riduce il rischio di ictus

Le statine diminuiscono del 30 per cento il pericolo

L'utilizzo delle statine può abbattere del 30 per cento il rischio di ictus. A dirlo è uno studio pubblicato sul British [...]

La spia che venne dal sangue

Tissue factor come indicatore del rischio di ictus

Il fattore tissutale (tissue factor) circolante nel sangue è collegato al rischio di ictus cerebrale ischemico. Lo dice una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS), in collaborazione con altri quattro centri di ricerca italiani.
Il lavoro scientifico, [...]

Rischio di ictus ridotto grazie a nuova combinazione

Enalapril e acido folico abbattono l'incidenza

Una nuova combinazione studiata da medici cinesi sembra ridurre del 21 per cento il rischio di ictus. Lo studio – denominato China stroke primary prevention trial – è stato condotto su oltre 20mila persone ipertese senza precedenti di ictus o eventi cardiaci.
I medici dell'Università di [...]

Lo stent con palloncino aumenta il rischio di ictus

Nei soggetti affetti da stenosi arteriosa intracranica sintomatica

L'utilizzo di uno stent con palloncino nei pazienti colpiti da stenosi arteriosa intracranica aumenta il rischio di ictus e attacchi ischemici transitori. Uno studio pubblicato su Jama ha evidenziato un aumento del pericolo rispetto alla terapia medica con clopidogrel e aspirina.
Osama Zaidat, [...]

Una scossa riattiva la mano dopo l'ictus

Una scossa riattiva la mano dopo l'ictus

Deficit motorio ridotto di un quinto

Recuperare almeno parte della propria capacità motoria grazie a una scossa al cervello. È quello che promettono ai pazienti colpiti da ictus [...]

L'alcol e il rischio di ictus

L'alcol e il rischio di ictus

Due drink al giorno più pericolosi di diabete e ipertensione

Consumare due drink alcolici al giorno nella fascia d'età fra i 50 e i 75 anni comporta un aumento del rischio di ictus addirittura maggiore rispetto a [...]

Vivere dopo l’ictus, missione possibile

L'utilità della Post-Stroke Checklist

Con l’ictus si rimane invalidi tutta la vita. Le cure in urgenza permettono di salvare molte vite, ma il rischio è quello di avere molte persone che, una volta concluso il percorso di riabilitazione in ospedale, devono essere seguite anche a casa per ridurre il rischio di recidive e trattare al meglio [...]

Un test semplice per predire l'ictus

Un test semplice per predire l'ictus

La difficoltà di rimanere in equilibrio può essere rivelatrice

Un anziano che abbia difficoltà a rimanere in equilibrio per 20 secondi su una sola gamba potrebbe essere a rischio di ictus. Lo dice uno studio [...]