INFARTO

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Infarto

Sintomi Diagnosi Terapia


L'infarto miocardico è costituito dalla morte o necrosi di una zona di miocardio, una parte importante del cuore, dovuta all'improvvisa occlusione di uno o più rami delle arterie coronarie. L'occlusione del vaso, solitamente causata da trombosi, ha come base l’aterosclerosi coronarica di cui l'infarto è la complicanza maggiore e più grave. Questa condizione morbosa, contro la quale la scienza medica lotta ogni giorno di più, rappresenta oggi la più frequente fra le cause di morte ed è in costante aumento. Negli Stati Uniti, ad esempio, la mortalità per infarto è cresciuta a dismisura. Questo enorme incremento, dovuto in parte all'aumento della vita media, corrisponde anche a un incremento reale; ciò è particolarmente valido per le nazioni altamente industrializzate rispetto ai paesi economicamente arretrati e per la città rispetto alla campagna. L'infarto miocardico è, nel 98 per cento dei casi, conseguenza dell'aterosclerosi coronarica; altre cause eccezionali possono essere embolie, anomalie congenite, ecc. È più frequente nell'uomo che nella donna, almeno sino ai 40 anni, ed è strettamente legato a condizioni di surmenage psicofisico, abuso di tabacco, ipercolesterolemia, obesità, vita sedentaria. A questi elementi, che possono essere considerati predisponenti, vanno aggiunte alcune situazioni che talora possono risultare scatenanti quali sforzi, emozioni, interventi chirurgici e gravi emorragie.

Sintomi

L'infarto miocardico insorge con un violento dolore dietro lo sterno al centro del petto, spesso irradiato al braccio sinistro o al collo. cui si accompagnano senso di morte imminente e stato di agitazione. 11 soggetto ? pallido, ipoteso, tachicardico, con sudorazione fredda e spesso dispnoico. II dolore, che pu? durare anche parecchie ore. non cede ai composti nitrati come nell'angina pectoris e spesso nemmeno agli oppiacei. E questa la fase acuta, in cui ? pi? alta la mortalit? per le numerose e gravi complicanze che possono insorgere: shock cardiogeno, fibrillazione ventricolare o arresto cardiaco, gravi aritmie, blocchi atrio-ventricolari, insufficienza cardiaca. La fase acuta dell'infarto miocardico pu? assumere questi diversi quadri clinici che ne condizionano l'evoluzione e la prognosi per la loro alta pericolosit?. L'infarto non complicato evolve solitamente in circa 40-50 giorni, durante i quali nella zona colpita si forma una vera e propria cicatrice. L'estensione della lesione e la modalit? del decorso, complicato o meno, condizionano l'efficienza futura del soggetto colpito.

Diagnosi

La diagnosi dell'infarto miocardico, oltre che sulla sintomatologia, si basa su vari esami del sangue. Dal tessuto del cuore colpito si versa nel sangue circolante una serie di enzimi il cui dosaggio permette di diagnosticare l'avvenuta lesione. I più importanti sono le transaminasi, la creatinfosfochinasi, la latticodeidrogenasi e altri. Gli elementi diagnostici essenziali vengono però forniti dall'elettrocardiogramma, che consente di accertare l'esistenza o meno dell'infarto, la sede di questo e l'evoluzione che ha subito. Sin dalle prime ore compaiono alterazioni caratteristiche con segni di lesione nella zona cosiddetta subepicardica accompagnati o meno da quello che è il segno caratteristico cioè l'onda Q di necrosi (primo stadio). Dopo alcuni giorni o dopo alcune settimane il quadro tende a cambiare per la progressiva riduzione dei segni di lesione e la progressiva comparsa dei segni di ischemia subepicardica e di necrosi (secondo stadio). Con il passare del tempo i segni di necrosi si fanno più evidenti e quelli di ischemia o si accentuano o tendono a regredire (terzo stadio). La diagnosi della sede colpita da infarto è possibile osservando in quali derivazioni elettrocardiografiche, che esplorano differenti zone del miocardio, i segni caratteristici compaiano ed evolvano. L'elettrocardiogramma è essenziale anche per l'accertamento di alcune complicanze dell'infarto quali i blocchi e le aritmie. Il controllo radiologico del volume del cuore, oltre che nella fase acuta, è utile nella fase di stabilizzazione per valutare gli esiti dell'infarto.

Terapia

La terapia dell'infarto miocardico acuto si basa anzitutto sul riposo assoluto, sui dilatatori delle coronarie e sugli anticoagulanti. Vengono pure impiegati analgesici per lenire il dolore, sedativi e glicosidi cardioattivi nell'eventuale insufficienza cardiaca. Questa terapia si protrae sia durante l'evoluzione sia dopo la fase ospedaliera e spesso viene mantenuta per tutta la vita. II riposo a letto è importante nella prima fase ma, superato lo stadio acuto, si tende a far muovere precocemente il paziente. Se insorgono complicanze la relativa terapia viene aggiunta a quella in corso e adattata caso per caso e si può dire anche momento per momento. In particolare va sottolineato come l'alta mortalità dell'infarto sia dovuta soprattutto alle complicanze della fase acuta che, per la loro comparsa improvvisa e per la loro alta pericolosità, devono essere immediatamente affrontate o addirittura prevenute. A questo scopo oggi i pazienti colpiti da infarto miocardico acuto vengono ricoverati in reparti speciali, le cosiddette unità coronariche o unità di cura coronarica ove è possibile, grazie a particolari attrezzature, controllare in continuazione una serie di parametri clinici quali l'elettrocardiogramma, la pressione arteriosa, la pressione venosa, la temperatura cutanea e la diuresi, e dove esiste la possibilità di cogliere la complicanza al suo primo insorgere. L'infarto miocardico, per la sua notevole frequenza, rappresenta oggi un vero problema sociale. Il soggetto colpito, per quanto la lesione evolva benignamente, può restare compromesso ed è sempre un coronaropatico. Oltre alla terapia, quindi, ci si deve porre il problema della prevenzione, che consiste nel controllo di quei soggetti che per varie ragioni possono essere i candidati più probabili all'infarto. Adeguate regole di vita e il controllo di condizioni predisponenti quali l'ipertensione, il diabete, l'obesità e i disturbi del metabolismo lipidico, sono in definitiva il mezzo più efficace per combattere l'infarto miocardico.

Uno spray ripara il cuore dopo l'infarto

Uno spray ripara il cuore dopo l'infartoTrattamento mininvasivo per riparare il muscolo cardiaco

Basta una bomboletta spray per intervenire su un cuore che ha subito un infarto. Lo dimostra uno studio dell'Università della Carolina del Nord pubblicato su Tissue Engineering, Part C.
In una sperimentazione condotta su [...]

Infarto, le due spie che lo predicono

Due marcatori in grado di quantificare il rischio di evento cardiaco

Sapere se si è a rischio di infarto è fondamentale. Uno studio presentato nel corso dell'American College of Cardiology di Washington suggerisce l'efficacia di due marcatori specifici in grado di predire il verificarsi di eventi avversi cardiaci maggiori.
I due marker sono il GlycA e la [...]

Infarto, cause legate ai depositi di calcio

Infarto, cause legate ai depositi di calcioLe probabilità aumentano in maniera sensibile se presenti

I soggetti fra i 32 e i 46 anni che mostrano depositi di calcio coronarico mostrano una probabilità 5 volte più alta di incorrere in eventi coronarici fatali e non. Lo ha stabilito un nuovo studio pubblicato su Jama [...]

Ecco perché lo stress fa male al cuore

Ecco perché lo stress fa male al cuoreLa chiave sta nel ruolo svolto dall'amigdala

Che lo stress non facesse bene al cuore era cosa abbastanza nota a tutti. Ora però uno studio apparso su The Lancet e firmato da ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston e dell'Icahn School of Medicine at Mount [...]

Morte cardiaca improvvisa, 10 passi per prevenirla

Morte cardiaca improvvisa, 10 passi per prevenirlaEsperti pubblicano lista di 10 misure per aiutare medici e pazienti

Un team di esperti della Duke University di Durham ha pubblicato una lista di 10 misure pensate per ridurre l'incidenza della morte cardiaca improvvisa (Scd). Lo studio, pubblicato sul Journal of the American [...]

Analisi del sangue per predire il rischio di infarto

Analisi del sangue per predire il rischio di infartoIndividuato nuovo marcatore attendibile per gli attacchi di cuore

Basta un semplice test del sangue per verificare le probabilità che intervenga in futuro un attacco di cuore. A prometterlo è un gruppo di ricercatori della British Heart Foundation diretti da Nicholas [...]

Il pessimismo aumenta il rischio di infarto

Il pessimismo aumenta il rischio di infarto

Il pensiero negativo incide sulla salute dell'organo

Fate sport, mangiate bene e sorridete! È la conclusione cui giunge uno studio realizzato presso l'Ospedale centrale Päijät-Häme di Lahti, in [...]

Post-infarto, gli omega 3 migliorano la funzione cardiaca

Post-infarto, gli omega 3 migliorano la funzione cardiaca

Contrastano il fenomeno del rimodellamento del ventricolo sinistro

Uno studio appena apparso su Circulation dimostra che un trattamento ad alte dosi di omega 3 aiuta la funzione cardiaca dopo un [...]

Un test del sangue predice l'infarto

Un test del sangue predice l'infarto

Ricerche diverse puntano allo stesso risultato

Basterà un esame del sangue per predire l'insorgenza di un infarto. Ci stanno lavorando i ricercatori dell'Imperial College di Londra, il cui [...]

Infarto, l'efficacia diagnostica della troponina

Infarto, l'efficacia diagnostica della troponina

Studi analizzano la capacità del valore di individuare l'attacco cardiaco

Intervenire rapidamente in caso di infarto miocardico acuto è di importanza primaria. Per questo, valori come la troponina sono [...]

Un difetto del Dna riduce il rischio di infarto

Un difetto del Dna riduce il rischio di infarto

Scoperta un'alterazione genetica dagli effetti positivi sul cuore

C'è una modificazione genetica specifica in grado di ridurre del 35 per cento il rischio di insorgenza di un attacco cardiaco. Lo ha [...]

Poco sale fa male al cuore

Per ridurre il rischio di infarto e ictus meglio un consumo medio

Il sale risulta indigesto per il nostro cuore, questo è noto. Tuttavia, uno studio pubblicato su Lancet da ricercatori della McMaster University, in Canada, rivela che anche il consumo di una quantità limitata di sale - circa 3 grammi al giorno - può rivelarsi nociva per l'apparato cardiocircolatorio, aumentando il [...]

Tanti gli infarti senza sintomi

Tanti gli infarti senza sintomi

Quasi la metà delle crisi cardiache avviene in maniera silenziosa

L'idea della crisi cardiaca improvvisa, con il suo corollario di dolorosi sintomi, non è esattamente fedele alla realtà. Quasi nella metà dei casi, [...]

L'efficacia del defibrillatore indossabile

L'efficacia del defibrillatore indossabile

Alternativa valida a quello impiantabile

I pazienti affetti da aritmie che risultano non candidabili all'utilizzo del defibrillatore impiantabile (Icd) possono usufruire del [...]

Il testosterone riduce il rischio di infarto

Il testosterone riduce il rischio di infarto

Effetto presente negli uomini colpiti da malattia coronarica

Una terapia a base di testosterone potrebbe aiutare gli uomini affetti da malattia coronarica a ridurre il rischio di eventi cardiovascolari [...]

Infarto, trigliceridi tra i fattori di rischio

Infarto, trigliceridi tra i fattori di rischio

Nuovi geni associati al rischio di insorgenza dell'infarto

I trigliceridi annoverati tra i fattori di rischio nell’insorgenza dell’infarto. Lo dimostrano, per la prima volta, i risultati di uno [...]

Le caratteristiche dell'infarto nelle donne

Le caratteristiche dell'infarto nelle donne

Cause, sintomi e prognosi possono divergere rispetto agli uomini

L'infarto non è uguale per tutti. Secondo un documento pubblicato su Circulation da un team dell'American Heart Association (Aha), infatti, [...]

Omega-3 in alimenti, integratori e farmaci

Omega-3 in alimenti, integratori e farmaci

Ognuno ha un ruolo, ma funzioni diverse

«Gli omega-3 rappresentano un interessante esempio di sostanza che è al contempo alimento, integratore alimentare e farmaco», spiega [...]

I sintomi che annunciano l'arresto cardiaco improvviso

I sintomi che annunciano l'arresto cardiaco improvviso

In alcuni casi scattano dei campanelli di allarme anche settimane prima

Si definisce arresto cardiaco improvviso, ma a volte l'organismo ne segnala comunque l'imminente insorgenza. A rivelarlo è uno [...]

I grattacieli sono un rischio per il cuore

I grattacieli sono un rischio per il cuore

Vivere ai piani alti può aumentare il pericolo di morte a causa di un infarto

Avere un infarto mentre ci si trova in uno dei piani alti di un grattacielo non è davvero una coincidenza fortunata. Secondo uno studio [...]

Forum

Partecipa! Domanda ai medici

Infarto del miocardio, l'esame per misurare il calcio

Infarto del miocardio, l'esame per misurare il calcio

Il livello della sostanza nelle coronarie svela quanto siamo a rischio

È di qualche giorno fa l’allarme lanciato dalla Società Italiana di Cardiologia secondo la quale un over 55 su tre si ammalerà [...]

Infarto, il test per la Troponina I

Favorisce le dimissioni della maggior parte dei pazienti con dolore toracico

Il test per la Troponina I ad elevata sensibilità consente ai medici una più classificazione degli infarti. Inoltre, permette dimissioni tempestive di circa due terzi dei pazienti che si presentano in pronto soccorso con dolore al torace.
Su The Lancet sono apparsi i risultati relativi al test ARCHITECT STAT [...]

Sesso dopo un infarto, si può fare

Sesso dopo un infarto, si può fare

Il rischio cardiovascolare non aumenta

Un infarto non deve significare la fine della propria vita sessuale. I ricercatori della Ulm University, in Germania, ne sono convinti, tanto che [...]

Gli interventi al ginocchio aumentano il rischio di infarto

Incidenza maggiore anche per chi si opera all'anca

Operarsi all'anca o al ginocchio può avere conseguenze gravi per il nostro cuore. Secondo una ricerca pubblicata su Arthritis & Rheumatology, i pazienti affetti da osteoartrosi che si sottopongono ad artroplastica di ginocchio o di anca mostrano un rischio di infarto del miocardio [...]

Ecco la proteina che rigenera il cuore

Ecco la proteina che rigenera il cuore

Follistatina-like 1 stimola la formazione di nuove cellule

Intervenire dopo un infarto potrebbe essere più facile grazie a una scoperta americana. I ricercatori dell'Università di Stanford hanno infatto [...]

Infarto, il problema dell'aderenza alla terapia

Infarto, il problema dell'aderenza alla terapia

Alta la mortalità a un anno dalla dimissione

Sembra un paradosso, ma è percentualmente più rilevante il tasso di mortalità per infarto a un anno dalla dimissione ospedaliera che [...]

Stress e depressione aumentano il rischio di infarto

La combinazione dei due sintomi può avere effetti micidiali

Se siete stressati, cercate di non essere anche depressi, o viceversa. La combinazione delle due condizioni pone le basi per una sorta di “tempesta perfetta”, aumentando di molto il rischio di infarto.
Lo dice uno studio del Columbia University Medical Center di New York firmato da Karina [...]

L'ora legale e il rischio di infarto

L'ora legale e il rischio di infarto

Il cambio orario aumenta l'incidenza di arresti cardiaci

Non è solo un problema di insonnia. A rischiare, con l'introduzione dell'ora legale, sarebbe anche il nostro cuore. Secondo quanto afferma uno [...]

Meno emorragie negli infartuati con fondaparinux

Efficacia più alta rispetto a eparina

Uno studio del Karolinska Institutet di Stoccolma rivela la maggiore efficacia di fondaparinux per il trattamento dei pazienti che hanno subito un attacco di cuore. L'inibitore specifico del fattore X attivato (Xa) abbassa il rischio di eventi emorragici e di morte sia nel corso del ricovero sia a 6 [...]

Recuperare dopo un infarto è più difficile per le donne

Recuperare dopo un infarto è più difficile per le donne

Il problema principale è rappresentato dallo stress

Dopo un infarto recuperare è possibile, ma certamente difficile. Se si è donne ancora di più. A confermarlo è una ricerca [...]

La via genetica per riparare il cuore

La via genetica per riparare il cuore

Si può agire sui microRna dopo un infarto

Un cuore colpito da infarto può essere riparato attraverso una manipolazione di tipo genetico. Un gruppo di ricercatori del Centro Internazionale [...]

Difetto genetico dimezza il rischio di infarto

Difetto genetico dimezza il rischio di infarto

Mutazione presente in un soggetto su 650

Non tutti i difetti genetici sono negativi. Lo dimostra uno studio americano che ha individuato un'alterazione in grado di dimezzare il [...]