Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Il ruolo della «proteina del freddo» nell'Alzheimer

Bassi livelli di RMB3 accelerano la malattia

Una proteina espressa dall'organismo per prevenire la perdita di connessioni neurali alle basse temperature potrebbe aiutare i medici a trovare nuovi trattamenti per l'Alzheimer.
In fase di letargo, il cervello degli animali va incontro a una serie di modificazioni che servono ad affrontare il lungo periodo di sonno e il freddo. Al risveglio, per tornare alle normali attività cerebrali l'organismo ha bisogno di una proteina specifica, RMB3, che evita la perdita di connessioni e favorisce lo sviluppo di nuove sinapsi quando si è svegli.
Un gruppo di ricercatori dell'Università di Leicester e dell'Università di Cambridge ha scoperto che la proteina si attiva proprio in condizioni di shock termico. Nel corso dello studio, pubblicato su Nature, gli scienziati hanno osservato gli effetti del letargo su due gruppi di topi, il primo formato da animali sani e il secondo da ratti affetti da un ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Alzheimer, topi, proteina, freddo,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 26940 volte