Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Troppe informazioni e il cervello va in tilt

La moltiplicazione delle fonti di informazione provoca difficoltà neurologiche

Varie_3675.jpg

Più impari e meno sai. Da dogma del relativismo culturale a verità scientifica. È quanto sostengono alcuni medici americani dell'Università della California, i quali hanno portato a termine una ricerca che mette sotto accusa il bombardamento mediatico, responsabile della diminuzione della nostra capacità di concentrazione.
Il motivo sarebbe in un fiume di informazioni, costituite da oltre 100.000 parole, che ogni giorno il nostro cervello è costretto a gestire. Le fonti infatti si sono moltiplicate nel corso degli ultimi anni. A giornali, televisione, radio e cinema si sono aggiunti internet, cellulari, videogiochi. Una quantità di input ingestibile per il nostro cervello, che per via dell'affaticamento sarebbe costretto a peggiorare le sue prestazioni.
Le 100.000 parole, o 34 gigabyte per dirla con linguaggio informatico, manderebbero in tilt la mente umana sovraccaricandola di ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 27728 volte