Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Prevedere complicazioni post partum

La misurazione nel sangue materno della proteina S100B, una molecola presente nel tessuto nervoso, attraverso un semplice prelievo eseguito uno o due giorni prima del parto permette di individuare tra i feti con ridotto accrescimento intrauterino quelli a rischio di rimanere vittima poco dopo la nascita di un evento grave come l’emorragia intraventricolare, la più temuta complicazione post-partum per questo tipo di gravidanze.
È il risultato di uno studio tutto italiano frutto della collaborazione fra l’Istituto Giannina Gaslini di Genova, l’Ospedale Garibaldi di Catania, l’Università “La Sapienza” di Roma, l’Ospedale Galliera di Genova, l’Università di Siena, con i loro centri di Pediatria, Neonatologia e Medicina Perinatale, e l’Università Cattolica di Roma attraverso l’Istituto di Anatomia Umana e Biologia Cellulare. Lo studio, di recente pubblicato sulla prestigiosa rivista ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 27130 volte